Al via la settimana dello sport alla scuola di via delle Industrie



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Lunedì 4 febbraio è iniziata la tanto attesa e desiderata settimana dello sport alla scuola primaria di via delle Industrie. Sci, arrampicata, scherma, tennis stanno coinvolgendo tutti i piccoli alunni della scuola. Una settimana di stacco dalle attività didattiche e i bambini con addosso abbigliamento sportivo vengono affidati ad insegnanti professionisti nel settore, laureati in Scienze motorie.

Con l’entusiasmo che contraddistingue i docenti accompagnatori e insegnanti di discipline sportive è iniziata una bellissima avventura sportiva. Messi da parte libri e quaderni e giù per le stupende montagne di Ovindoli, emulando scalate di roccia, con in mano il fioretto e la racchetta i bimbi si stanno divertendo moltissimo ed è per loro questa un’occasione per ritrovarsi, vivere una socialità sana e positiva.

L’Istituto A. Vivenza- Giovanni XXIII sempre più attento allo sviluppo psico motorio dei propri alunni ha fatto proprie le indicazioni della legge n.107/15 che mira infatti, ad un potenziamento delle discipline motorie e “allo sviluppo di comportamenti ispirati ad uno stile di vita sano, con particolare riferimento all’alimentazione, all’educazione fisica e allo sport” e “alla tutela del diritto allo studio degli studenti praticanti attività fisica e allo sport” (art. 1, comma 7).

L’Istituto, in linea con le indicazioni di tutti i più recenti documenti ministeriali ha elaborato un piano d’interventi dalla Scuola dell’infanzia alla primaria, alla secondaria di primo grado con un unico filo conduttore. Al centro di questa settimana dello sport è infatti posto il singolo allievo con le sue necessità di formazione culturale e sociale declinate in relazione alle caratteristiche dei diversi periodi evolutivi.

C’è un’attenzione profonda ai valori fondamentali del rispetto di sé e degli altri, della collaborazione e del vivere insieme, delle capacità di star bene con gli altri. L’esperienza sportiva di questa settimana può portare un valido contributo nella formazione personale e culturale dei minori in modo specifico nell’area motoria, connettendosi con le aree sociale, cognitiva ed affettiva. In sintonia con i principi dell’autonomia scolastica i docenti, sostenuti dalla collaborazione degli esperti e orientati da una comune cornice progettuale, promuovono così la didattica delle attività motorie e sportive organizzando situazioni di apprendimento che facilitano esperienze, scoperte, prese di coscienza e abilità nuove, individuali e collettive che possono diventare patrimonio personale dell’alunno, all’interno del curricolo scolastico.