5002802_1822_ladro
Avezzano, residente trova ladro in giardino in tarda serata e lo mette in fuga
PHOTO-2024-04-12-16-47-40 (1)
Mario Pescante è cittadino onorario di Avezzano: la città, tra gli applausi e i ricordi, abbraccia con orgoglio il figlio illustre 
La Regione Abruzzo finanzia due nuovi centri per uomini autori di violenza domestica e di genere, uno sarà in provincia dell'Aquila
Picchia la compagna, la minaccia di morte e la colpisce al volto con un piatto: nei guai 39enne avezzanese
Abbattimento di 8 orsi all'anno, gli animalisti si rivolgono al Governo per bloccare la legge voluta da Fugatti
Abbattimento di 8 orsi all'anno, gli animalisti si rivolgono al Governo per bloccare la legge voluta da Fugatti
Funivia del Gran Sasso: ok alla sostituzione delle funi portanti, lavori per 4 milioni di euro
Funivia del Gran Sasso: ok alla sostituzione delle funi portanti, lavori per 4 milioni di euro
Cerca
Close this search box.

Al via il monitoraggio della biodiversità altomontana presso il Parco Nazionale della Maiella

Facebook
WhatsApp
Twitter
Email

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Santino Taglieri
Santino Taglieri
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dott
Dott. Paolo Sante Cervellini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Loreta Carusi
Loreta Carusi
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Angelina Di Cosmo
Angelina Di Cosmo
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Giulio Taglieri
Giulio Taglieri
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Domenico Calderozzi
Domenico Calderozzi
Vedi necrologio

Abruzzo – Il Monitoraggio della Biodiversità Altomontana del Parco Nazionale della Maiella è tra le ricerche innovative finanziate dal CNR, nell’ambito delle risorse del PNRR. Per il Parco Nazionale della Maiella inizia un importante percorso di ricerca scientifica, grazie ai finanziamenti ottenuti con la partecipazione al bando pubblico del CNR finalizzato al monitoraggio, valorizzazione e ripristino della biodiversità in aree protette, da finanziare nell’ambito del programma di ricerca del Centro Nazionale della Biodiversità “National Biodiversity Future Center (NBFC)”, a valere sulle risorse del Piano Nazionale Ripresa e Resilienza (PNRR).

MAIA (MonItoraggio della BIodiversità Altomontana del Parco Nazionale della Maiella) è l’acronimo che rappresenta la proposta progettuale finanziata “Monitoraggio di habitat e specie animali interessate dai cambiamenti climatici”, con cui i tecnici dell’Ente Parco, insieme ai partner universitari degli Atenei di Perugia e Teramo, daranno l’avvio ad un monitoraggio multi-taxa e multi-livello a medio e lungo termine della biodiversità in diversi ambienti d’alta quota, con particolare attenzione a specie target interessate dagli effetti dei cambiamenti climatici, con l’obiettivo di valutarne lo stato e le pressioni, la vulnerabilità, la capacità di resistenza e/o resilienza, e di individuare eventuali interventi da attuare al fine di garantire loro uno stato di conservazione soddisfacente.

Le perturbazioni indotte dai cambiamenti climatici sulla biodiversità sono maggiormente importanti per quelle componenti che mostrano bassa valenza ecologica (stenoecie), come diverse specie vegetali ed animali che vivono sopra il limite superiore del bosco in Appennino, che vengono definite come “relitti glaciali” o a ridotta distribuzione geografica (es. endemiche microterme). Il Massiccio della Maiella è già interessato da oltre 20 da studi sulla vegetazione erbacea nelle aree d’alta quota con la rete europea di monitoraggio ecologico del progetto GLORIA (GLObal Research Initiative in Alpine ecosystems), coordinato per l’Italia centrale dall’Università degli Studi del Molise con la diretta collaborazione dell’Ente Parco.

Il progetto si svilupperà in 4 azioni principali distribuite in 20 mesi, dal marzo 2024 ad ottobre 2025:

1) Praterie e arbusteti altomontani: il monitoraggio a livello di comunità vegetali verrà svolto attraverso un campionamento random stratificato con registrazione della copertura e dell’abbondanza di tutte le specie di flora vascolare presenti nelle aree di rilevamento, queste aree verranno georeferenziate e marcate in modo da diventare aree permanenti per il monitoraggio ecologico a lungo termine; ciò consentirà di valutare l’impatto delle principali pressioni, riferibili al carico di erbivori domestici e/o selvatici e ai cambiamenti climatici sulla composizione specifica, la struttura e gli aspetti funzionali delle praterie primarie (habitat di All. I 6170 “Formazioni erbose calcicole alpine e subalpine”) e degli arbusteti altomontani (habitat 4070* “Boscaglie di Pinus mugo e Rhododendron hirsutum (Mugo-Rhododendretum hirsuti)”), comparandoli a quanto rilevato in passato nelle stesse comunità.

2) Analisi del valore pastorale in relazione alle popolazioni di erbivori selvatici: a partire dalla caratterizzazione botanica quali-quantitativa delle praterie primarie, verrà definito il potenziale di utilizzo della vegetazione erbacea mediante applicazione di formule specifiche che ne quantifichino il valore pastorale, allo scopo di definire il carico sostenibile di pascolo e implementare una gestione delle risorse delle praterie primarie orientata al mantenimento a lungo termine della biodiversità. A questa analisi verrà associata un’indagine ecoepidemiologica delle malattie infettive mediante uno studio pilota delle variabili ambientali e delle relazioni interspecifiche animali domestici/Cervo (Cervus elaphus)/Camoscio appenninico (Rupicapra pyrenaica ornata) a tutela di quest’ultima specie particolarmente protetta (Annexes II e IV Direttiva Habitat e vulnerabile su IUCN Red List).

3) Vipera dell’orsini (Vipera ursinii): il monitoraggio demografico delle popolazioni verrà svolto attraverso metodi di cattura/ricattura basati sul pattern di colorazione individuale; verrà effettuata un’analisi dell’uso dello spazio e dell’habitat attraverso l’uso di radio tag con la finalità di indagare sulle preferenze ecologiche della specie in relazione alle modifiche della vegetazione e in particolare alle mughete e aree di prato-pascolo, ma anche alle relazioni e agli effetti con le attività di pascolamento delle popolazioni di erbivori selvatici. Inoltre saranno prelevati campioni biologici per poter aderire al progetto European Reference Genome Atlas (ERGA), che vede coinvolti diversi paesi in uno sforzo cooperativo a livello europeo per apprendere conoscenze approfondite sulla genetica delle specie. Al momento, le attività per analizzare somiglianze e differenze delle sottospecie di Vipera ursinii o specie di Vipera correlate, vedono l’Italia assente per mancanza di campioni da analizzare.

4) Fringuello alpino (Montifringilla nivalis): la popolazione di fringuello alpino presente nel territorio del Parco Nazionale della Maiella sarà monitorata attraverso il censimento di tutte le coppie riproduttive presenti nei diversi massicci montuosi del Parco. Verranno individuate tramite analisi GIS tutte le aree idonee alla specie tenendo conto della quota e delle caratteristiche ambientali indispensabili per la specie e su di esse tramite sessioni di osservazione diretta verranno conteggiati i siti riproduttivi. Al termine della stagione riproduttiva verrà organizzato un censimento in simultanea di tutto l’areale idoneo alla specie per la individuazione dei flock post riproduttivi e per la stima della popolazione.

Per il Direttore f.f. e Responsabile del Servizio Biodiversità e Ricerca dell’Ente, Luciano Di Martino, “l’accesso a questo finanziamento è stato possibile grazie alla chiara e riconosciuta professionalità dei colleghi dei Servizi Biodiversità e Veterinario, che hanno sempre attuato ricerche condivise utili ad interpretare le modifiche territoriali in relazione alla reale necessità di conservazione di habitat e specie, portando sempre sul territorio azioni emblematiche e concrete a difesa della biodiversità”.

La biodiversità d’alta quota della Maiella– ha commentato il Presidente Lucio Zazzara – richiede grande impegno e attenzione nel monitoraggio e nella conservazione. In questo progetto abbiamo voluto inserire metodologie innovative ma anche la comunicazione e la sensibilizzazione degli stakeholder, strategici per la buona riuscita delle misure di conservazione”.

Fonte: Parco Nazionale della Maiella
author avatar
Maria Tortora

NEWS

5002802_1822_ladro
PHOTO-2024-04-12-16-47-40 (1)
La Regione Abruzzo finanzia due nuovi centri per uomini autori di violenza domestica e di genere, uno sarà in provincia dell'Aquila
Abbattimento di 8 orsi all'anno, gli animalisti si rivolgono al Governo per bloccare la legge voluta da Fugatti
Funivia del Gran Sasso: ok alla sostituzione delle funi portanti, lavori per 4 milioni di euro
Il cavallo maremmano M.Melampo, del celanese Mattia Russo, supera i test e diventa stallone di fascia A: "Orgoglio d'Abruzzo"
Pierpaolo Rotilio
L’ufficio postale di Bisegna è di nuovo operativo nella versione “Polis” con i servizi Inps
Quarto giorno di sciopero per i giornalisti del quotidiano "Il Centro", OdG: "Non vengono rinnovati i contratti e si esternalizza il lavoro"
Si è spento il dottor Paolo Sante Cervellini, per anni medico di medicina generale ad Avezzano
conv
carabinieri-arresto
20240412_1217440
Gruppo-Hera-1024x768
Screenshot_2024-04-12-14-37-58-720_com.facebook
IMG-20240412-WA0005
Roberto Santangelo
44941ce1-b4b4-45ce-9b1a-0ac01d5a90d9
Registro regionale dei tumori: arriva l'ok da parte della Commissione sanità
petru
La cagnolina Flocky scelta e poi rifiutata: "Hanno preferito un cane di razza"
Scarti di macellazione abbandonati lungo la strada a Trasacco
"Metà paese senza segnale Mediaset e Rai", il Vicesindaco di Collelongo Venettacci pronto a nuove azioni di sollecito
03

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Santino Taglieri
Santino Taglieri
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dott
Dott. Paolo Sante Cervellini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Loreta Carusi
Loreta Carusi
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Angelina Di Cosmo
Angelina Di Cosmo
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Giulio Taglieri
Giulio Taglieri
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Domenico Calderozzi
Domenico Calderozzi
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina