Abitazioni senz’acqua in località Alto La Terra, Montelisciani scrive al sindaco



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo. Decine di abitazioni in località Alto La Terra a Tagliacozzo senza acqua. Il consigliere comunale capogruppo di Tagliacozzo Unita, Vincenzo Montelisciani, scrive al sindaco Vincenzo Giovagnorio, affinché intervenga il prima possibile.

Ricevo da giorni diverse segnalazioni sulla mancata erogazione della fornitura idrica domestica in decine di abitazioni in località Alto La Terra”, scrive Montelisciani, “un disservizio che si prolunga ormai da qualche giorno e che sta causando seri e gravi disagi alle famiglie residenti. Molti cittadini hanno chiamato il servizio assistenza del CAM, che ha liquidato la questione ribattendo sostanzialmente che per l’azienda l’impianto è funzionante e che – probabilmente- l’inceppo potrebbe dipendere dalle basse temperature registrate negli ultimi giorni. 1. Se l’acqua domestica non è assicurata, è evidente che l’impianto per la fornitura idrica non è funzionante. 2. Non è la prima volta che si raggiungono temperature così basse a Tagliacozzo. Anzi, abbiamo sopportato inverni ben più rigidi di questo, senza avere disservizi sulla fornitura idrica domestica. 3. Gli abitanti di Alto La Terra pagano le utenze del CAM come qualsiasi altro cittadino marsicano.

Eppure ogni estate vivono pesanti disagi a causa dell’assenza o della diminuzione programmata della propria portata d’acqua. Qualsiasi sia il motivo di questo disservizio invernale è bene capirne subito la natura e risolverlo immediatamente. Bisogna scongiurare qualsiasi eventualità di cronicizzazione strutturale del problema. 4. La mancata fornitura domestica dell’acqua determina problemi molto seri, soprattutto alle persone anziane e a quelle malate. Se il problema non può essere risolto nell’immediato, è dovere di chi ha la responsabilità del governo comunale quello di provvedere con soluzioni alternative quali autobotti e autocisterne. Intanto si assicura l’acqua alle famiglie, poi si capirà di chi sono le responsabilità e chi avrebbe dovuto fare cosa. 5. È inaccettabile che le persone non vengano informate né dal CAM, né da altri, e che anzi si sentano prese in giro da chi è deputato ad assicurare un servizio fondamentale quale quello della fornitura dell’acqua domestica”.

“Le chiedo dunque di intervenire immediatamente per assicurare la fornitura della risorsa idrica a tutti i cittadini residenti in località Alto La Terra”,conclude, “e di intercedere presso il CAM per comprendere la causa e la natura del disservizio e per sollecitarne una rapida soluzione”.




Lascia un commento