Castello baronale dei Colonna occupato da soldati spagnoli
La congiura del governatore di Avezzano in un contesto sociale corrotto e instabile (1680-1688)
Nel regno di Napoli e nella Marsica, come andiamo affermando, gli accordi tra viceré spagnoli e poteri feudali per il controllo delle risorse del territorio appaiono, per gran parte del Seicento, come...
Porta dei Marsi a Tagliacozzo: ecco com'era nel 1900
Porta dei Marsi a Tagliacozzo: ecco com'era nel 1900
Tagliacozzo – La Porta dei Marsi di Tagliacozzo è uno dei luoghi iconici del paese marsicano. Si tratta di uno dei cinque ingressi medievali che consentivano l’accesso al borgo. Nell’immagine...
Prima dell’orso e del camoscio: predatori e prede di 10 milioni di anni fa
Prima dell’orso e del camoscio: predatori e prede di 10 milioni di anni fa
Opi – Il 3 aprile del 1993 si tenne, a Pescasseroli, capitale del Parco, una conferenza dal tema: “La scoperta del primo giacimento di vertebrati fossili nel Parco”. Per la verità la scoperta fu...
Oltraggio del Gran Contestabile Sciarra Colonna al papa (lo schiaffo di Anagni)
Escrescenze del lago di Fucino, l’architetto Fontana e il Gran Contestabile Sciarra Colonna (1680-1683)
Per ragioni di spazio, pur omettendo numerosi altri episodi che determinarono la vita socio-economico-politica del territorio in questione, occorre accennare a fatti importanti con gradi diversi e sotto...
Centro di formazione professionale "San Berardo" di Pescina
La fine della "Università degli Artigiani": dal Centro di formazione professionale "San Berardo" di Pescina all'oblio totale
Pescina – Era il periodo post bellico, correvano gli anni ’50, e fu allora che la Pontificia Opera Assistenza del Vaticano, la concattedrale dei Marsi, Santa Maria delle Grazie, con l’allora...
Un disegno di Raffaele Fabretti (1683)
Spese e introiti delle stanghe colonnesi poste sul lago di Fucino
Ricostruendo la storia del feudo dei Colonna, è bene focalizzare la nostra attenzione su un altro corposo volume esistente nell’Archivio di Stato di L’Aquila, intitolato: «Lago di Fucine. Scritture dall’anno...
La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
Avezzano – In passato, dalle nostre pagine, abbiamo mostrato, attraverso un’affascinante e interessante cartolina d’epoca, l’aspetto che aveva piazza Castello, ad Avezzano, prima...
Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo
"Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo"
Opi – Che l’Abruzzo sia una regione abitata fin dalla Preistoria lo dimostrano i ritrovamenti di selci paleolitici oltre agli avanzi neolitici, che sono vari e copiosi, e le tracce umane che lasciano...
Cerca
Close this search box.

90mila alpini sfilano a Vicenza: un’edizione record per la 95ª Adunata Nazionale

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Secondino Roselli
Secondino Roselli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Rita Iacone
Rita Iacone
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Mario Buongiovanni
Mario Buongiovanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Marilena Cesta
Marilena Cesta
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Roberto Palermini
Roberto Palermini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Marziani
Antonio Marziani
Vedi necrologio

In 90mila sfilano a Vicenza nel segno della pace
Una edizione straordinaria. Per lo splendore storico e architettonico della città, per l’accoglienza della gente, per il caldo sole primaverile e, soprattutto, per l’imponenza della sfilata, che si è protratta per tredici ore, dalle 9 del mattino fino a sera inoltrata.

E poiché i ritmi di sfilata sono noti e gli alpini sfilano ordinati in file di nove non è troppo lontana dalla realtà la cifra di 90mila penne nere che sono passate davanti alla tribuna d’onore in viale Roma, a Vicenza.

La 95ª Adunata dell’Associazione Nazionale Alpini va quindi in archivio tra le edizioni record della manifestazione, eguagliando quella del 2010 di Bergamo per durata e partecipazione, con grande e meritata soddisfazione per quanti hanno lavorato per oltre un anno alla sua organizzazione.

Vicenza è stata per tre giorni la capitale mondiale degli alpini, proponendo anche ventidue mostre e rassegne, concerti di cori e fanfare e incontri con le Sezioni alpine provenienti oltre che dall’Europa praticamente da tutto il pianeta, comprese quelle di Sud Africa, Australia, Canada, Stati Uniti, Brasile e Argentina.

Non è possibile per ora avere indicazioni precise sulle presenze che si sono coagulate nei tre giorni attorno all’evento, ma, basandosi sulle rilevazioni dell’Università di Udine, che ne ha calcolate 298mila lo scorso anno nel meno facilmente raggiungibile capoluogo friulano e considerato il fatto che l’Adunata 2023 era stata funestata da tre giorni di pioggia, è probabile che a Vicenza siano stato abbondantemente superate le 400mila presenze complessive: con una ricaduta economica sul territorio sicuramente superiore a quella, già notevole, di 105 milioni di euro rilevati in Friuli.

Alle penne nere, ai loro valori e al loro enorme patrimonio di consenso popolare ha reso omaggio anche il Governo, rappresentato dal ministro della Difesa Guido Crosetto, cappello alpino in testa, da quello alle Infrastrutture Matteo Salvini e da quello dei Rapporti con il Parlamento, Luca Ciriani. Sulla tribuna d’onore anche il presidente della Regione Veneto Luca Zaia e quelle del Piemonte, Alberto Cirio. Tra gli altri parlamentari, anche il sottosegretario alla Difesa, Isabella Rauti e il senatore questore del Senato, Antonio De Poli. E, naturalmente, il sindaco di Vicenza Giacomo Possamai e il presidente della Provincia, Andrea Nardin, pure lui alpino.

Prestigiosa anche la rappresentanza militare, a cominciare dal Capo di Stato maggiore dell’Esercito, gen. Carmine Masiello, dal gen. Francesco Paolo Figliuolo, comandante del Covi, dal gen. Franco Federici, consigliere militare del Presidente del Consiglio e dal comandante delle Truppe alpine, gen. Ignazio Gamba, che in serata ha sfilato assieme alla Sezione di Bolzano e con gli alpini paracadutisti, oltre a una folta schiera di altri alti ufficiali delle Forze armate.

Più che legittimamente soddisfatti, quindi, sia il presidente della Sezione di Vicenza, Lino Marchiori, che ha visto finalmente sciogliersi la tensione accumulata nei mesi di preparazione, sia il presidente nazionale dell’Ana, Sebastiano Favero, che pur protagonista di decine e decine di Adunate, ha colto in quella di Vicenza tutti i crismi necessari a consacrarla come una delle migliori degli ultimi anni. “Abbiamo vissuto giornate splendide – ha commentato – in una terra come quella vicentina che è legata a filo doppio agli alpini, alla loro storia, sublimata nei quattro Sacrari sulle montagne attorno alla città, Pasubio, Cimone, Asiago e Cima Grappa. La gente ha risposto in maniera commovente, stringendosi attorno alle penne nere. E questo ci conforta nel proseguire ad operare con immutato spirito di servizio al servizio della comunità. Per questo – ha aggiunto – l’Ana sostiene da sempre l’istituzione di un servizio obbligatorio, anche di pochi mesi, per tutti i giovani, che possano così sviluppare senso civico, senso di appartenenza e sperimentino l’importanza della condivisione di intenti e di compiti a beneficio degli altri”.

Proprio su questo tema si sono espressi sia il ministro delle Infrastrutture, Salvini, sia quello della Difesa, Crosetto: il primo ha detto che la Lega ha quasi concluso la stesura di un progetto di legge per reintrodurre una leva universale di 6 mesi per ragazzi e ragazze, a servizio della comunità; il secondo ha precisato che il servizio civile universale non è una cosa che riguarda le Forze armate e che le Forze armate non possono essere pensate come un luogo per educare i giovani, cosa che deve essere fatta dalla famiglia e dalla scuola. Ma non ha precluso la via ad un servizio moderno e condiviso non troppo diverso da quello immaginato dall’Ana.

Il tema scelto per l’Adunata di quest’anno era “Il sogno di pace degli alpini” e gli striscioni portati in sfilata lo hanno esplicitato nella sua dimensione più vera: cioè che gli alpini sono autentici operatori di pace, perché la pace la costruiscono ogni giorno, da sempre, con opere concrete di solidarietà, vissute in pieno spirito di condivisione. E a Vicenza, assieme all’Amministrazione cittadina e a realtà femminili che operano nel sociale, hanno dato vita al progetto “Intrecci di pace”, grazie al quale, proponendo ad offerta libera pompon realizzati dai bambini e altri oggetti realizzati da varie comunità, saranno finanziate iniziative nelle scuole di educazione alla convivenza civile, alla tolleranza e alle pari opportunità.

L’imponente sfilata di Vicenza, che si è sviluppata costantemente tra due ali di folla – che è persino aumentata verso il tardo pomeriggio – si è conclusa al calare delle ombre della sera con la cerimonia del tradizionale “passaggio della stecca” tra le città di Vicenza e Biella, che ospiterà l’Adunata del 2025, la 96ª: davanti alla tribuna d’onore il presidente della Sezione di Vicenza Lino Marchiori ha consegnato la storica tavola di legno che riporta le targhette di tutte le Adunate, da quella del 1920 in Ortigara ad oggi, nelle mani del presidente della Sezione di Biella, Marco Fulcheri

LEGGI ANCHE

Annalaura Lacalamita
bando concorso terremarsicane
Parco Sirente Velino terremarsicane
Pouring water from jug into glass on blue background
Manutenzione straordinaria sulla linea Avezzano - Pescara
Maria Assunta Oddi
Nasce in Abruzzo il primo Parco europeo dei Borghi del Respiro: comprenderà i 22 borghi del Parco Sirente Velino
Nasce una colonia felina a Forme di Massa d'Albe
Sostegno all'agricoltura: fondi per l'emergenza Peronospora e per l'abbattimento dei tassi di interesse
Inciviltà nel parco giochi di Tagliacozzo, "assediato" da ragazzi che giocano a pallone: bambini piccoli e genitori costretti ad andarsene
Rivoluzione nella terapia dell'AIDS presso l'Ospedale dell'Aquila: un'iniezione bimestrale al posto della pillola quotidiana
Rocca di Botte celebra San Pietro eremita con l'apertura estiva della sua casa natale
Buona partecipazione alla Giornata ecologica a Civita d'Antino, il Comune: "Nei prossimi giorni saranno installate nuove telecamere"
Messa in ricordo di madre Maria Teresa Cucchiari, fondatrice delle Suore Trinitarie e Serva di Dio
Torna il Giardino Letterario ad Avezzano: si parte nel fine settimana con due romanzi gialli
Agisci in fretta l'ictus non aspetta, il 29 Giugno screening gratuito a Canistro
FB_IMG_1718281622330
Ambulatorio Accessi Venosi
Raccolta di legname per autoconsumo, D’Annuntiis: "Possibile nei pressi dei corsi d'acqua di competenza regionale"
Giornata di prevenzione oncologica
Sicurezza nelle emergenze: il NOVPC di Tagliacozzo arricchisce il suo parco mezzi
donazione sangue giovani
Mister Andrea Di Nicola torna ad allenare il Pescina Calcio dopo 11 anni
Volpino malato di tumore abbandonato per strada: "Lo abbiamo operato e sta bene, ora cerca una famiglia"

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Secondino Roselli
Secondino Roselli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Rita Iacone
Rita Iacone
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Mario Buongiovanni
Mario Buongiovanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Marilena Cesta
Marilena Cesta
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Roberto Palermini
Roberto Palermini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Marziani
Antonio Marziani
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.