“Women in motion” di Ferrovie dello Stato, il plauso di Bracco a una pescinese: “Orgoglio rosa da cui prendere esempio”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Pescina. Ogni mattina arriva ad Avezzano da Rieti. Frequenta il Liceo scientifico Pollione e sta investendo nel proprio futuro. È Romina Alessandrini, studentessa dell’ultimo anno dell’unica scuola abruzzese coinvolta in un’iniziativa tutta tinta di rosa. Come lei, Vittoria Iezzi (nella foto con le colleghe) responsabile dei rapporti con gli investitori presso la Direzione finanza di Ferrovie dello Stato, ogni giorno parte da Pescina per raggiungere Roma e lavorare in una delle holding più importanti d’Italia. Iezzi, 34 anni e madre di una bimba di due, ha alle spalle un’esperienza da consigliera comunale nella sua cittadina d’origine e nonostante il successo lavorativo ha scelto di continuare a vivere in Abruzzo. La sua terra. A Romina e Vittoria, che si sono incontrate nel progetto Women in Motion promosso dal gruppo FS va oggi il plauso del Consigliere regionale di Sinistra Italiana Leandro Bracco.

“Alessandrini è stata scelta tra un centinaio di studentesse per partecipare al progetto che ha l’obiettivo di incentivare la carriera tecnica delle donne per aumentarne la presenza a tutti i livelli aziendali – spiega Bracco – ed è ora in viaggio insieme ad altre studentesse, una ventina in totale, in tutta Italia. L’iniziativa vede la collaborazione del network delle presidenti che riunisce dieci leader femminili di associazioni, imprese e grandi gruppi industriali: Acea, Aidda, Amarelli, Ania, Fondazione Marisa Bellisario, Enel, Eni, Poste Italiane e Terna. E Iezzi – prosegue il Consigliere – insieme alle colleghe delle società operative Trenitalia, RFI e Italferr, sono diventate per le giovani studentesse coinvolte nel progetto un esempio di vita. Macchiniste, capitreno, capistazione, capi tecnici, ingegneri ed economiste. Mestieri finora appannaggio solo di uomini – conclude l’esponente di Sinistra Italiana – che diventano accessibili alle donne. Donne che ogni giorno conciliano lavoro e famiglia e che rappresentano il successo di un Abruzzo che progredisce. Romina Alessandrini e Vittoria Iezzi non possono che essere giovani donne da cui prendere esempio”.

“Women in Motion”, Ferrovie dello Stato entra nelle scuole e insegna il successo delle donne




Lascia un commento