Virus ISWV, Confagricoltura: “Smantellato nel Fucino il servizio pubblico di monitoraggio, prevenzione e controllo delle malattie delle piante”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Trasacco – Il convegno scientifico sul Virus ISWV tenuto a Trasacco è stato l’occasione per una riflessione sullo stato attuale del Servizio Pubblico di prevenzione e monitoraggio delle malattie delle piante nel Fucino. “Senza voler riesumare l’ARSSA – osservano in Confagricoltura – occorre rilevare che la ristrutturazione del Dipartimento Agricoltura non ha tenuto in giusta considerazione l’unica area, ad agricoltura intensiva, più importante dell’Abruzzo. Confagricoltura L’Aquila ha richiesto a gran voce ed ha ottenuto ad Avezzano l’istituzione della Direzione del Servizio Presidi tecnici a Supporto al Settore Agricolo ma la sconcertante decisione di prevedere due uffici a Cepagatti ed un ufficio a Scerni, in pratica rende questo servizio una scatola vuota testimoniata, anche, dalla mancata nomina del Dirigente responsabile.

I Funzionari tecnici, quasi tutti marsicani, si occupavano, fino a due anni fa, del nostro territorio: del bollettino fitopatologico, delle analisi agrochimiche, del monitoraggio dei nematodi, del controllo della qualità dei suoli, delle rilevazioni statistiche delle colture (si facevano ininterrottamente dal 1958), del servizio di taratura della barre irroratrici, sono stati trasferiti altrove o ad altri incarichi prevalentemente amministrativi e burocratici. Praticamente smantellata anche la rete delle rilevazioni meteorologiche che ora si avvale di soli tre punti di rilevamento, assolutamente insufficienti per garantire un servizio efficace per aiutare gli agricoltori ed i tecnici a prevenire e controllare le malattie delle piante che dipendono prevalentemente dalle condizioni climatiche”.

“Sotto questo aspetto, la ristrutturazione è stata, per il Fucino, un vero disastro, per fare un esempio è come se si decidesse di chiudere, dopo Pescina e Tagliacozzo l’ospedale di Avezzano”.Tuona Fabrizio Lobene Presidente di Confagricoltura L’Aquila. “In Abruzzo abbiamo la fortuna di avvalerci del Dott. Domenico D’Ascenzo, eminente fitopatologo che ci invidiano da tutte le altre Regioni, ma un uomo solo, peraltro senza alcuna continuità, non è sufficiente a garantire un servizio pubblico accettabile ad una agricoltura che, nel territorio produce oltre 500 milioni di euro di PIL Agricolo e 15.000 occupati. Non è possibile lasciare gli agricoltori alla mercede delle case sementiere e delle società che producono e distribuiscono fitofarmaci e concimi. E’ altrettanto sconcertante che le Università Abruzzesi, in primis la facoltà di Bioscenza di Teramo, non si occupino di questi problemi. Confagricoltura per organizzare il convegno è stata costretta a chiamare esperti provenienti dall’estremo nord all’estremo sud dell’Italia” chiude sconsolato Lobene.




Lascia un commento