Villino Cimarosa nel piano alienazioni con ok del Ministero, Colizza e Iucci: “Puntiamo a coinvolgere nel restauro conservativo Fondazioni, Onlus o privati”



Avezzano – Consiglio comunale di Avezzano in programma lunedì alle ore 17 in Municipio, con punti importanti all’ordine del giorno. 
Tra questi l’ok all’alienazione del Villino Cimarosa: dopo il semaforo verde arrivato con l’autorizzazione del Ministero della Cultura, previa istruttoria della Soprintendenza e parere favorevole della Commissione Regionale per il Patrimonio culturale dell’Abruzzo, l’amministrazione Di Pangrazio punta ad inserire il bene nel piano delle alienazioni, per una destinazione rispettosa della fruizione pubblica e del carattere artistico del Villino. 

Il voto favorevole farebbe scattare l’operazione di messa in vendita, con prescrizioni, di quel pezzo di storia della Città per recuperarlo, prima che sia troppo tardi, con l’intento di coinvolgere nel restauro conservativo Fondazioni, Onlus o soggetti privati, riqualificando urbanisticamente la struttura e l’area circostante, vicine a una scuola e alla chiesa della Madonna del Passo.
L’alienazione dovrà tener conto di restrizioni vincolanti messe nero su bianco  dalla Commissione Regionale per il patrimonio culturale dell’Abruzzo: il bene verrà tutelato e valorizzato attraverso un riuso che non ne comprometta la testimonianza storica e architettonica; nell’atto di alienazione saranno riportate le prescrizioni contenute nel provvedimento di autorizzazione; sarà mantenuto in condizioni di decoro attraverso interventi di manutenzione ordinaria, restauro e risanamento conservativo mirati anche alla conservazione degli elementi di pregio presenti all’interno; non sarà destinato ad usi suscettibili di recare pregiudizio alla fruizione pubblica o non compatibili con il carattere storico e artistico del bene e sarà garantita la fruizione pubblica dello stesso.  

“La costruzione con copertura in legno risalente alla Prima guerra mondiale, quando nella zona nord di Avezzano c’era il campo di concentramento dei prigionieri austro-ungarici – ricordano l’assessore Maria Teresa Colizza e il consigliere comunale Ignazio Iucci- è in pessimo stato di conservazione. Da tempo, le amministrazioni stanno tentando di salvaguardare il villino, non avendo la disponibilità economica per realizzare il delicato intervento di restauro. Siamo pronti a scommettere su qualche fondazione o “mecenati” che possano aprire il portafogli per salvare quella preziosa testimonianza di un passato buio collegato alla tragedia della guerra e della prigionia: una follia – concludono- che sembrava sepolta dalla storia e che invece torna nella cronaca di questi giorni, con fragore”.

Sempre nel piano delle alienazioni verranno inseriti i terreni finalizzati alla costruzione del Nuovo Ospedale: l’ultimo passo, riguardo alle azioni di spettanza del Comune, verso la costruzione di un nuovo e moderno nosocomio. 

Questi i punti all’ordine del giorno del consiglio convocato dal Presidente Fabrizio Ridolfi per il giorno 28 febbraio alle 17 presso la sala delle adunanze consiliari. 

  1. COMUNICAZIONI DEL VICE SINDACO.
  1. RICOGNIZIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE IN ADEMPIMENTO ALLE DISPOSIZIONI DI CUI ALL’ART. 58 DEL D.L. 112/2008 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI NELLA LEGGE 06/08/2008 N. 133 – ANNUALITA’ 2022-2024.
  1. VARIANTE SPECIFICA CONSEGUENTE ALLA DECADENZA VINCOLI AI SENSI DELL’ART. 9 DEL DPR n. 327/2001. 

ADOZIONE AI SENSI DELL’ART. 10 DELLA L.R. 18.04.1983 N. 18

  1. CONVENZIONE DI SERVITÙ DI ELETTRODOTTO A FAVORE DELLA E-DISTRIBUZIONE S.P.A PER IMPIANTO DI CABINA IN LOCALE COMUNALE SITO IN VIA PUGLIE E DISTINTO AL C.F. AL FG. N. 8 P.LLA N. 1491, SUB. 4, OLTRE ALLA CORTE DISTINTA CON IL SUB. 3
  1. APPROVAZIONE AI SENSI DELL’ART. 5, COMMA 2 DELLA LEGGE 15 OTTOBRE 2012, N. 49 DEL PROGETTO “CAMBIO DI DESTINAZIONE D’USO DA ARTIGIANALE A RESIDENZIALE” DI PORZIONE DI IMMOBILE IN VIA PAGANINI PRESENTATO DA LOLLI VALENTINA. PRATICA POS. 108/2021.
  1. RINUNCIA AL DIRITTO DI PRELAZIONE RELATIVA A DEI BENI GIÀ GRAVATI DA USO CIVICO VENDUTI AL SIG. CIPOLLONE ROBERTO.


Leggi anche