Viaggia sulla statale 17 ad alta velocità in stato di alterazione psico-fisica. Quarantanovenne si rifiuta di sottoporsi agli esami clinici e viene denunciato



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Gli operatori del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Sulmona hanno denunciato un quarantanovenne, con precedenti per stupefacenti e residente nella cittadina peligna, per essersi rifiutato di sottoporsi agli accertamenti clinico-tossicologici in relazione all’assunzione di sostanze alcoliche e stupefacenti.

Nello specifico, alle 22 circa di ieri giovedì 6 maggio, una pattuglia del Commissariato ha notato un’auto che percorreva la Strada Statale 17 a velocità sostenuta.

Con l’ausilio di un’altra Volante, è stato dunque effettuato un controllo durante il quale il conducente del veicolo è apparso visibilmente nervoso, con difficoltà respiratorie, occhi lucidi e palesi difficoltà di coordinamento motorio.

I Poliziotti hanno proceduto pertanto ad accompagnare l’uomo presso il locale Ospedale al fine di eseguire gli accertamenti relativi alla probabile condizione di alterazione psico-fisica, ma lo stesso si è rifiutato di sottoporsi agli accertamenti tossicologici previsti dal Codice della Strada. 

A seguito di tale comportamento si è proceduto al ritiro della patente di guida ed al sequestro del veicolo sul quale viaggiava; inoltre il quarantanovenne è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Sulmona e rischia un’ammenda da 1500 a 6000 euro, la sospensione della patente di guida da uno a sei anni nonché la confisca del veicolo.