Verrecchia su Piazza Torlonia, si revochi il divieto ai cani e si mettano più controlli



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – “Si annulli immediatamente il divieto che vieta l’accesso ai cani in Piazza Torlonia. Ci sono sentenze che vanno in questa direzione, l’ultima quella di Lodi dove è stato introdotto un divieto analogo”.

“A dirlo è, Massimo Verrecchia tra i più votati alle scorse elezioni e fautore della lista Avezzano Popolare. “Il sindaco De Angelis non può proibire l’accesso ai cani padronali, dotati di regolare microchip, guinzaglio, sacchetti igienici per le deiezioni, documento di riconoscimento e museruola, come previsto dalla legge. – continua Verrecchia –  Si multino i proprietari dei cani che non raccolgono le deiezioni ma questa non può essere una scusante per un divieto. Se così fosse bisognerebbe chiudere l’ingresso anche alle persone in molti luoghi della città sporchi come succede ad esempio alla pineta dove, non risultano contravvenzioni per i trasgressori”.

Verrecchia sottolinea come Piazza Torlonia non sia un orto botanico e le persone che posseggono un cane non debbano essere ghettizzate. Spesso ci sono persone sole, con un cane, che costituisce una compagnia vitale. Non può essere privata la libertà di frequentare un luogo aperto al pubblico come Piazza Torlonia se vengono rispettate le leggi.

Insomma, ci vogliono buon senso e più controlli nei confronti delle persone incivili.

“Potrebbe capitare, infatti, come già accaduto, – prosegue – che la Villa comunale sia frequentato da tossicodipendenti, ubriachi, o vandali che facciano peggio di quello che potrebbe fare un cane al guinzaglio. Cosa succederebbe se anche plastica, bottiglie o rifiuti vari venissero gettati in quell’area da qualche incivile visto che c’è un chiosco nelle immediate vicinanze? Un non vedente, per esempio, non potrebbe accedere con il cane guida? O si vuole privare l’accesso anche al gruppo cinofilo per controlli antidroga?”

Verrecchia conclude tra il serio ed il faceto con una battuta rivolta al neo ‘forzista’ sindaco De Angelis al quale domanda: quindi, non potrebbe essere invitato neppure Silvio Berlusconi a visitare Piazza Torlonia perché, se si presenta con Dudù non avrebbe libero accesso?




Lascia un commento