Verrecchia “La nomina di Marianella è un insulto di De Angelis alle donne che si sono candidate con lui”



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – “Manca la nomina a Di Pangrazio ed il cerchio è chiuso. Adesso si capisce perché l’ex sindaco disse a De Angelis, quando era un suo assessore, che “era il più bravo di tutti”! Come dargli torto oggi che può rientrare nel novero degli allievi che superano il maestro?”

Lo afferma l’esponente di centrodestra, Massimo Verrecchia, tra i più votati alle scorse amministrative, in merito alla scelta del sindaco di Avezzano, Gabriele De Angelis, di nominare come donna in giunta, Fabiana Marianella, già assessore comunale con Di Pangrazio.

“Quello che ha fatto e sta facendo il sindaco di Avezzano, Gabriele De Angelis, pur di restare attaccato alla poltrona, dopo l’anatra zoppa, ha dell’incredibile, da vero guinness dei primati. I cittadini si domanderanno a cosa sia servito andare a votare, soprattutto se lo chiedono quelli che si aspettavano il tanto promesso cambiamento, ed oggi si ritrovano, loro malgrado, ad assistere impotenti a questo indecente spettacolo messo in atto dal sindaco De Angelis dove al governo della città sono stati rimessi in gran parte chi stava in maggioranza nella passata amministrazione targata Di Pangrazio.

Una convinta solidarietà va espressa però a tutte le donne che si sono candidate nelle liste al fianco di Gabriele De Angelis ed anche a quelle che lo hanno semplicemente votato, visto che ha nominato assessore una donna che si è candidata contro di lui, che non lo ha ne voluto ne votato.

Donne messe in lista e rassicurate dallo stesso Gabriele De Angelis negli incontri tenuti in campagna elettorale, uno dedicato esclusivamente alle sole donne, con l’impegno, se avesse vinto, di un loro coinvolgimento nella vita amministrativa. Come volevasi dimostrare nulla di tutto ciò. Ci si domanda allora, non c’era una donna tra le circa cento candidate con lui ‘all’altezza’ di ricoprire quel ruolo? Sono ritenute oggi da De Angelis così tanto incompetenti, non brave e non in grado di fare quella esperienza come è capitato invece ad altre che si sono candidate sull’altro fronte? Grazie anche ai loro voti che De Angelis fa il sindaco non certamente di coloro che gli si sono candidate contro e che oggi sta premiando.

Una incredibile scelta fatta addirittura in quota Forza Italia su una persona che fino a ieri non era neanche iscritta, a dispetto di chi, non solo si è candidata ma è stata anche impegnata nella vita di partito. Si pensava addirittura che tale scelta potesse ricadere su una ragazza del gruppo giovanile di Forza Italia, come segno di rinnovamento, ma a loro il sindaco De Angelis concederà solamente l’ormai consueto selfie da fare con Fabiana Marianella, l’ex assessore di Di Pangrazio, sua candidata di punta alle scorse elezioni, oggi nominata, anche a loro ‘dispetto’ , assessore del comune di Avezzano. Un sindaco che, dopo l’anatra zoppa, ha riallacciato il cordone con i suoi vecchi compagni della giunta Di Pangrazio. Adesso si spiega perché Gabriele De Angelis ha voluto nel suo slogan la parola “Insieme”! Era tutto un programma… il suo, fatto con l’inganno verso i cittadini avezzanesi che hanno creduto in quello che lui stesso aveva pubblicamente promesso politicamente soprattutto nei confronti dei candidati avversari”.



Lascia un commento