Ventisei anni di “16 maggio 1982” e la conclusione del loro corso di primo soccorso



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo. Anche quest’anno è ormai agli sgoccioli il corso di primo soccorso dell’associazione di volontariato “16 Maggio 1982” che venerdì 18 maggio 2018, nell’annuale celebrazione dell’associazione, consegnerà i diplomi a firma medica per i corsisti che si sono con entusiasmo dedicati all’apprendimento delle pratiche base di primo soccorso e rianimazione cardio circolatoriola rccp.
L’associazione, ente di emergenza sanitaria molto attivo sul territorio, il 20 marzo 2018 ha compiuto 26 anni di attività.

Ventisei anni di “16 maggio 1982” e la conclusione del loro corso di primo soccorso

Nasce spontaneamente nel 1992 come “Centro Albertini” per colmare il vuoto che all’epoca era presente nel territorio di Carsoli e della Marsica occidentale, diventando il prototipo dell’attuale servizio 118 italiano. La data celebrativa, nonché attuale intestazione dell’associazione, è commemorativa di un triste evento che ha colpito la presidente Sonia Papa.
Infatti, a causa di un incidente pirico, ha perso suo figlio Danilo ed ha toccato con mano la grave assenza di un trasporto sanitario emergenziale, evento che ha reso urgente la necessità di impegnarsi in tale attività. L’associazione si applica di base nell’attività di 118 e nell’assistenza sanitaria nei territori di Tagliacozzo, Pescasseroli e Pescocostanzo.
Nel corso degli anni si è impegnato in molte altre attività e progetti: soccorso nei terremoti Marche-Umbria, Molise, L’Aquila del 2009; assistenza in varie manifestazioni sportive e culturali, nei santuari, sagre, feste patronali; due edizioni del convegno-dibattito sulla donazione di sangue dal titolo “Il diabete nel 2000”, attività di protezione civile a seguito della guerra in Kosovo con l’invio di materie prime, oltre a manifestazioni e progetti di promozione della salute nel territorio e nelle scuole, e alla costante disponibilità ad ospitare volontari anche attraverso percorsi come il servizio civile nazionale.
Si possono seguire tutte le loro attività sulla pagina facebook “Emergenza Sanitaria 16 Maggio 1982”




Lascia un commento