“Vasocostrizione Periferica”, ecco il nuovo singolo della band marsicana “Luci Rosse Senza Porno” | VIDEO



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. “Vasocostrizione Periferica” è il nuovo brano della band marsicana “Luci Rosse Senza Porno”, presentato al pubblico lo scorso 5 ottobre.

Reduce da esperienze musicali importanti e partecipazioni illustri – basti pensare all’apertura del concerto dei Marlene Kuntz l’inverno scorso in quel di l’Aquila o di una delle date dei corregionali Management del Dolore Post-Operatorio – Franco, Pierpaolo, Alessandro, Camillo e Andrea tornano alla ribalta con un inedito che – confidano – potrebbe far parte del loro primo album.
“La Vasocostrizione Periferica rappresenta la diminuzione del diametro dei vasi sanguigni – spiega il frontman del gruppo – “il brano è il racconto di una storia sentimentale fra due persone, basata su un’infatuazione malsana e finita male, come la maggior parte delle storie fondate su questa premessa. Un storia in cui una parte si mette a nudo, ammaliata da un sentimento poi rivelatosi diverso dalla prospettiva iniziale; in cui l’altra risulta giustiziera della prima, spinta da un cecità empatica dovuta a disturbi nevrotici della personalità. Un disastro, insomma, originato ed amplificato dalla capacità umana di non sapersi esprimere e non sapersi comprendere”.

Per le Luci Rosse Senza Porno, autori di un raffinato connubio tra indie e pop rock, la Musica è una ragione di vita. “Ci facciamo ispirare da ciò che più riesce a far vibrare le nostre viscere, – dichiarano – “sarebbe rovinosamente riduttivo indicare tra i preferiti alcuni artisti o band  piuttosto che altri”.
Si sa, anche il mondo musicale sta attraversando un momento critico e sarebbe irreale affermare il contrario. Se si tratta inoltre di aree geografiche come quella marsicana,  musicalmente periferiche e non avvezze a sound indie o poprock, che invece contraddistinguono le grandi città italiane, allora non sarà semplice creare un prodotto musicale completamente innovativo e sarà difficile farsi conoscere e apprezzare. Ma i ragazzi marsicani non si perdono d’animo.

“Creare un prodotto musicale del tutto nuovo è estremamente difficile e credo sia davvero raro, rarissimo poter usare la locuzione ‘del tutto’. Per la zona è uguale, ogni contesto può generare presupposti unici. Per il resto è sempre questione di probabilità. Bisogna creare i presupposti o ritrovarcisi in mezzo; la cosa può avvenire per scelta o per pura casualità – risponde Franco –  “Non conosco i meccanismi cardine del nostro mercato dai quali si potrebbe pensare provengano gli step per raggiungere l’acclamato ‘successo’. Posso solo dire che un condivisibile approccio potrebbe essere quello di creare musica che soddisfi in primis ed empaticamente le proprie esigenze; poi ben vengano persone che, in qualche modo, riescano a trovare qualcosa di se stessi all’interno del lavoro artistico alla fine esternato. Non sdegneremo chi voglia mettere un Like sui nostri canali e condividere i nostri lavori, per esempio”.

Ma le novità non finiscono qui. Un secondo videoclip dei Luci Rosse Senza Porno bolle in pentola e non bisogna far altro che restare aggiornati sulla loro pagina Facebook.

CANALE YOUTUBE

PAGINA FACEBOOK
PROFILO INSTAGRAM

 

Foto a cura di Eugenia Di Pasquale
Frame a cura di Francesco Paolucci

 




Lascia un commento