Vaccinazioni anti-Covid-19 in favore degli Afghani arrivati in Italia, attivato un hub ad Avezzano



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Prosegue il piano attuato dalla Struttura Commissariale guidata dal Generale Figliuolo, su mandato del Presidente Mario Draghi, per proteggere i cittadini afghani dal Covid-19. Il lavoro di squadra di Regione Abruzzo, Protezione Civile, Croce Rossa Italiana, Azienda Sanitaria Locale e Difesa ha portato nel giro di poche ore all’allestimento di un hub vaccinale ad Avezzano, dove tra ieri e oggi hanno trovato accoglienza più di 500 Afghani giunti in Italia dal loro Paese.  

Il sito, allestito ad Avezzano scalo dalla Croce Rossa Italiana con il coordinamento e il contributo della Protezione Civile, ospita numerose famiglie con tantissimi giovani. Gli ospiti sono seguiti da mediatori culturali della Croce Rossa, che assistono il personale sanitario della ASL (tra cui i farmacisti che hanno il compito essenziale di preparare le dosi di vaccino da inoculare) e i cinque team vaccinali mobili della Difesa, nelle procedure di anamnesi e di vaccinazione vera e propria.

Le somministrazioni avvengono all’interno delle tipiche tende pneumatiche della Protezione Civile, montate in breve tempo dai Volontari della Croce Rossa. Una delle tende viene riservata alle donne e verrà gestita da una dottoressa e due infermiere della Difesa, nell’ambito di un’organizzazione attenta a tutti gli aspetti. Le attività si svilupperanno per tutta la giornata, secondo la pianificazione che gli operatori di tutte le organizzazioni coinvolte hanno messo a punto sul campo nelle prime ore della mattinata.

Fonte: Commissario straordinario per l'emergenza Covid-19