Una legge sulla Street Art per valorizzare i piccoli e grandi comuni abruzzesi



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Abruzzo – La Street Art, o Arte di Strada, per valorizzare i piccoli e grandi comuni abruzzesi. Le opere di Street Art rappresentano una delle maggiori espressioni di arte contemporanea capace di attrarre turisti e generare decoro urbano attraverso il culto del bello e dell’arte. Il consigliere regionale M5S Pietro Smargiassi propone una legge che mira a riconoscere “fondi economici volti a favorire la realizzazione di opere nei piccoli borghi d’Abruzzo, che in questa estate post Covid hanno fatto registrare un incremento di visitatori, ma anche nei comuni più grandi in un’ottica di riqualificazione di alcune periferie in cui palazzi popolari subiscono gli effetti del tempo e dell’incuria“.

Esistono città – spiega Smargiassi – che quotidianamente ricevono la visita di migliaia di turisti pronti a fare consumo di un capitale storico-artistico di valore incommensurabile, di cui spesso siamo incapaci di vedere la rilevanza a livello internazionale. Un esempio emblematico e di successo è il comune di Aielli, che ha fatto delle sue mura e di alcuni fabbricati un patrimonio unico nella nostra regione, o il recupero dell’immagine di D’Annunzio attraverso murales d’autore che la Regione ha finanziato a Pescara“.

L’arte non è più un affare di pochi ma un qualcosa di fruibile ai più, generando un incremento del turismo che inevitabilmente consentirà, attraverso l’intero indotto, un ritorno anche economico per il territorio, oltre che all’indubbio valore culturale” afferma il consigliere.