Un papà avezzanese al Giro d’Italia per combattere la distrofia muscolare



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Partecipare al Giro d’Italia per dare visibilità al tema della ricerca sulla distrofia muscolare di Duchenne e Becker. E’ questo l’obiettivo che ha spinto Antonio Biondi, avezzanese, papà del piccolo Denis, a prendere parte alla 9° tappa del Giro d’Italia insieme a Maurizio Guanta, socio di Parent Project onlus – associazione di genitori di bambini e ragazzi con la distrofia muscolare.

Maurizio Guanta ed il piccolo Edy
il piccolo Edy

Maurizio è di Messina:coltiva una forte passione per la bicicletta, che coniuga da tempo all’impegno per sostenere la ricerca sulla distrofia di Duchenne e Becker (DMD/BMD) con la quale convive suo figlio Edy: un binomio che lo ha portato ad organizzare, nel corso degli anni, numerosi eventi ciclistici di solidarietà nella sua Sicilia, raccogliendo un sostegno ed una partecipazione sempre più vasti e coinvolgendo spesso testimonial speciali come Vincenzo Nibali e Giovanni Visconti.

La tappa del 15 maggio, con i suoi 40,4 chilometri nella stupenda cornice dei vigneti del Chianti, rappresenta simbolicamente, per Maurizio e Antonio, la corsa contro il tempo sperimentata da tutti i bambini e giovani che, con le loro famiglie, affrontano la vita con la Duchenne.

IMG-20160510-WA0001
Antonio Biondi

La DMD e la BMD, infatti, sono malattie di carattere degenerativo; è fondamentale sostenere il più possibile la ricerca scientifica, che negli ultimi 20 anni ha fatto importanti passi avanti e dalla quale i giovani pazienti e le persone a loro vicine aspettano risultati che possano migliorare il più possibile e sempre di più la qualità e l’aspettativa di vita.




Lascia un commento