“Turismo senza barriere”, convegno al Castello Piccolomini



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Balsorano – E’ in agenda per sabato 17 settembre il convegno “Turismo senza barriere”. L’evento, che a causa delle incerte condizioni meteo si terrà presso il Castello Piccolomini, è stato organizzato dal Presidente del Consiglio del Comune di Balsorano, Romina Margani con delega alla Sanità e al Turismo, con il patrocinio del Consiglio Regionale Abruzzo , ASL 1 Avezzano –Sulmona –L’Aquila e in collaborazione con la Misericordia di Balsorano e S.V.Valle Roveto.

Il progetto è volto a presentare un nuovo modello turistico nella Valle Roveto, rivolto a soggetti con disabilità motoria più o meno grave, al fine di favorire la loro accessibilità ai luoghi turistici presenti sul territorio, anche quelli difficilmente raggiungibili e la loro partecipazione alle attività ricreative del luogo.  Questo modello innovativo è basato sull’individuazione e l’utilizzo di soluzioni concrete, come l’abbattimento delle barriere architettoniche, la fornitura di ausili selezionati e calibrati ad hoc per ciascuna attività turistica e/o ricreativa.

Al convegno, che avrà inizio alle 15:00, interverranno il Direttore Generale della Asl 1 Avezzano-Sulmona- L’Aquila, Rinaldo Tordera  e la Dott.ssa Rossella De Santis, Direttore del Distretto Sanitario Area Marsica.

Per la Regione Abruzzo, daranno il proprio contributo l’Assessore alla Programmazione Sanitaria Silvio Paolucci, Il Direttore del Dipartimento Turismo Cultura e Paesaggio Dott. Rinaldo Zappacosta, il Presidente del Consiglio Regionale Giuseppe Di Pangrazio ed il Consigliere della Regione Abruzzo Maurizio Di Nicola.

Parteciperanno, inoltre, all’evento, attraverso le proprie testimonianze di vita sulla disabilità, i signori Pietro Trozzi, Gaetano Tosone e Giancarlo Galletta.

A conclusione dell’evento, saranno realizzate una serie di dimostrazioni pratiche, come percorsi e spostamenti  con l’utilizzo di ausili per i disabili (carrozzine, quad…), per evidenziare le difficoltà che si incontrano quotidianamente nella propria città.




Lascia un commento