Tribunale, arrivano tre magistrati



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Arriveranno i nuovi giudici al Tribunale? Il Presidente dell’ordine degli avvocati, Franco Colucci, precisa: «La Terza Commissione del Csm ha individuato il Tribunale avezzanese quale sede per tre Mot (Magistrati Ordinari in Tirocinio) i quali prenderanno servizio quanto prima, colmando, seppur in parte, i vuoti di organico che si verranno a produrre nei prossimi mesi. In ogni caso continuerà l’impegno degli avvocati di Avezzano affinché il Tribunale non venga depotenziato e continui ad operare a pieno regime sempre confidando nel sostegno delle istituzioni, forze politiche e sociali».

Sempre ieri, come riportato dal quotidiano Il Messaggero, è stata diramato anche un comunicato con il quale si informa che tale risultato è stato ottenuto anche con le iniziative intraprese di concerto con il Presidente del Tribunale e il Procuratore della Repubblica. L’allarme è scattato dopo il trasferimento di tre giudici (Stefano Giordano, Francesco Lupia e Francesca Proietti) e un Pm, Guido Cocco, oltre quello di Stefano Venturini, avvenuto ad aprile, che non è stato più rimpiazzato. Mario Petrella, avvocato, nel suo blog, La Linguaggia, aveva subito stigmatizzato il fatto sostenendo che il Tribunale stava morendo, aggiungendo che all’interno c’è un male oscuro per cui i giudici vanno via e non vengono rimpiazzati. Il consigliere comunale Leonardo Casciere, ha presentato un’interrogazione chiedendo che l’amministrazione si attivi per difendere il Palazzo di Giustizia. Il centrosinistra, tramite l’avvocato Roberto Verdecchia, ha subito dato le colpe all’attuale amministrazione. «Assistiamo all’inesorabile e sempre più rapido svuotamento- ha scritto- del Tribunale con estrema preoccupazione. Tutto questo nel silenzio assordante dell’attuale Amministrazione: noi ci siamo battuti a lungo ottenendo infine il prolungamento dell’attività giudiziaria fino al 2020. Che fine ha fatto l’impegno dell’attuale sindaco al riguardo? Attendiamo di saperlo anche in riferimento a certi suoi sponsor».

«La salvezza del tribunale ha rappresentato e rappresenta una delle priorità della nostra amministrazione- ha riposto il sindaco, Gabriele De Angelis- e, sin dall’insediamento, non abbiamo perso neanche un minuto, lavorando in stretto collegamento con il presidente del consiglio dell’Ordine degli avvocati Franco Colucci, tessendo una rete di contatti e collegamenti con il ministero di Giustizia e la presidenza del Consiglio dei Ministri, il cui fine è trovare una soluzione ben prima della scadenza della proroga concessa fino al 2020.




Lascia un commento