Preziose maioliche della chiesa della Madonna delle Grazie di Collarmele portate a Genova: "Analizzate per capire fabbricazione e datazione"
Preziose maioliche della chiesa della Madonna delle Grazie di Collarmele portate a Genova: "Analizzate per capire fabbricazione e datazione"
Collarmele – Con l’arrivo del parere favorevole della Sovrintendenza, possiamo ufficializzare la partenza, a stretto giro, di alcuni frammenti delle maioliche della Chiesa di Madonna delle...
Castello baronale dei Colonna
Il sistema fiscale delle imposte nella Marsica vicereale dopo la peste del 1656
Lo studioso Ugo Speranza pubblicò alcuni rogiti del notaio Domenico Bucci (1658)  nei quali possiamo riscontrare la numerazione dei «fuochi» delle università di Avezzano, Collelongo, Trasacco, Luco...
Recensione del saggio "Ispettori ai monumenti e scavi nella Marsica" di Cesare Castellani nel Bullettino della Deputazione abruzzese di Storia Patria
Recensione del saggio "Ispettori ai monumenti e scavi nella Marsica" di Cesare Castellani nel Bullettino della Deputazione abruzzese di Storia Patria
Marsica – Sullo storico Bullettino della Deputazione abruzzese di Storia Patria, Annate CXII-CXIII (2021-2022), pubblicato a L’Aquila, alle pagine 269 e 270 il prof. Alessio Rotellini descrive...
fulv
Aspetti della giurisdizione delegata nella Marsica durante il viceregno spagnolo e austriaco
Non è facile svolgere un’analisi sistematica e comparata che possa aiutarci ad arricchire e precisare il giudizio, a volte ancora troppo generico, sul dominio dei Colonna nel territorio marsicano durante...
Grotta di Sant'Agata
La grotta di Sant'Agata
Una grossa cavità naturale posta sul versante acclive della Serra di Celano grotta di Sant’Agata Sopra la parte sommitale della rocca della Turris Caelani, sotto una grande sporgenza rocciosa...
bcvff
Luigi Colantoni (1843-1925), canonico, vicario capitolare e ispettore ai monumenti
Questo articolo su Luigi Colantoni segue quello interessante dell’amico Fiorenzo Amiconi apparso su Terre Marsicane lo scorso 24 dicembre 2019 e vuole essere una integrazione ed un completamento di quanto...
I banditi Marco Sciarra e Alfonso Piccolomini
Banditismo e rivolte nel territorio marsicano (1587-1592)
Il 19 aprile 1587 la popolazione di Colli di Montebove (allora solo Colli) chiese aiuto al vescovo dei Marsi perché tormentata lungamente da un gruppo di feroci banditi. A sua volta, il presule, diresse...
Santa Maria degli Angeli alle Croci Napoli  - anno 1580 -
Nicola Corsibono, nato nel 1848 a Napoli visse e dipinse a Tagliacozzo
Nasce in località San Carlo all’Arena (Napoli) alle ore venti del 3 ottobre del 1848 in quell’epoca l’intera regione si chiamava ancora “Regno delle due Sicilie”. Fu battezzato nella splendida chiesa barocca...
Cerca
Close this search box.

Teme di perdere il posto dopo la lite sul lavoro e sale sull’Altopiano delle Rocche per togliersi la vita. Salvato dai carabinieri

Facebook
WhatsApp
Twitter
Email

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Carmine Chiuchiarelli
Carmine Chiuchiarelli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Domenico Cipriani (Memmo)
Domenico Cipriani (Memmo)
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Elia Gigli
Elia Gigli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Santino Taglieri
Santino Taglieri
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dott
Dott. Paolo Sante Cervellini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Loreta Carusi
Loreta Carusi
Vedi necrologio

Rocca di Mezzo. Non si sa ancora il motivo per cui, per tentare un gesto così estremo, sia arrivato fino ai monti dell’Altopiano delle Rocche. Sta di fatto che deve ora la sua vita ai carabinieri, che lo hanno tranquillizzato e disarmato, in modo che non potesse farsi del male.

E’ una storia che fortunatamente ha avuto un lieto fine, quella di un uomo di circa 45 anni di un centro del Lazio, che lavora come portantino in una clinica.

Ieri pomeriggio, intorno alle 17, l’uomo è stato fermato dai carabinieri del capitano Francesco Nacca, il comandante della compagnia di L’Aquila. I militari del nucleo radiomobile, coordinati dal tenente Maximiliano Papale si sono messi alla ricerca di una persona che risultava scomparsa dal posto in cui abita con la sua famiglia.

L’allarme è scattato dopo la segnalazione dei suoi familiari, nel Lazio. Sapevano che l’uomo, infatti, era armato di una pistola, una Smith Wesson, regolarmente denunciata per uso sportivo.

Ad allertare i colleghi sono stati i militari del Lazio che hanno spiegato che le celle del cellulare dell’uomo scomparso si erano attaccate con quelle di Fontavignone, la frazione di Rocca di Mezzo. Il primo a partire è stato un carabiniere della compagnia di Avezzano, della stazione di Rocca di Mezzo. E’ stata una corsa contro il tempo.

Due militari, in abiti civili, hanno individuato e fermato l’uomo mentre era ancora nella sua auto. Con sé aveva non solo la pistola ma anche un coltello. I carabinieri hanno parlato con il 45enne e hanno da subito provato a convincerlo a desistere nel suo disperato gesto. In ausilio sono poi intervenuti i colleghi in divisa della Radiomobile aquilana. Insieme lo hanno disarmato. E’ stato così che l’uomo ha desistito e ha scelto di trovare un’alternativa al gesto estremo che probabilmente voleva compiere.

Non si conosce ancora il motivo per cui era a Fontavignone. Pare però che si fosse allontanato dal Lazio dopo aver avuto una brutta lite sul luogo di lavoro. Per questo pensava di poter perdere il posto.

Una storia triste che però non si è conclusa con una tragedia grazie alla tempestività dell’intervento dei carabinieri ed è per questo che anche davanti a quella che poteva essere una tragedia, si può comunque scrivere che si tratta di un lieto fine.

 

LA NOTA STAMPA DELL’ARMA DEI CARABINIERI:

Si tratta di un giovane di Anzio (RM), classe ’75, che due giorni fa ha fatto perdere le proprie tracce, inviando un sms ad un medico specialista che lo aveva in cura dal tenore a dir poco preoccupante. Il giovane infatti partecipava al professionista di essere stato licenziato dal lavoro, di essere andato via di casa e gli chiedeva di notiziare la madre convivente affinchè si prendesse cura del loro cane. Vane si rivelavano a questo punto le ricerche della madre presso parenti e amici, nella speranza di rintracciare il figlio, così come vani risultavano i tentativi di contattarlo sulla sua utenza cellulare, che squillava senza però avere risposta. A questo punto la donna decideva di sporgere formale denuncia presso il locale Commissariato in modo tale da attivare immediatamente le ricerche del caso. Da una prima ricostruzione dei fatti emergeva come il giovane scomparso, dipendente di una clinica privata, prima di far perdere definitivamente le proprie tracce a bordo della sua Seat Ibiza di colore rosso, aveva avuto un forte alterco con i colleghi di lavoro, tanto che in preda al rancore aveva manifestato loro l’intenzione di suicidarsi.

Immediate sono scattate le ricerche del giovane, che grazie alle coordinate fornite dal suo telefono cellulare rimasto acceso, veniva sì localizzato, ma in un’area geografica piuttosto ampia, tra Rocca di Mezzo e San Demetrio ne’ Vestini.

A questo punto l’Arma aquilana attivava tutte le sue risorse sul campo, pattugliando palmo e palmo la zona interessata, che diventa molto impervia nella parte a ridosso delle montagne.

Dopo appena un’ora di ricerche, due militari liberi dal servizio a bordo di mezzo privato, rispettivamente della Stazione Carabinieri di Rocca di Mezzo e dell’Aliquota Radiomobile di L’Aquila, che benché non in orario di lavoro avevano deciso di concorrere nelle ricerche, rintracciavano il giovane a bordo della sua autovettura in  San Martino D’Ocre, frazione del Comune di Ocre, su una piazzola sterrata a margine della SP 38 Vestina. Gli accertamenti nel frattempo eseguiti sul conto del giovane facevano ritenere altamente probabile che lo stesso potesse portare con se armi e che volesse suicidarsi proprio mediante l’utilizzo di una delle 4 armi – 2 fucili e 2 pistole – dallo stesso regolarmente denunciate e detenute.  Nel frattempo non era stato possibile nemmeno sincerarsi dell’ammanco eventuale di armi presso l’abitazione del giovane, in quanto le stesse erano riposte in un armadio a muro blindato, le cui chiavi verranno poi rinvenute nella sua disponibilità.

I militari liberi dal servizio venivano nel frattempo raggiunti dai colleghi della gazzella in turno del Radiomobile di L’Aquila ed insieme, adottando tutte le cautele del caso, si avvicinavano al mezzo.

In particolare, al fine di garantire l’effetto sorpresa ed evitare che il giovane potesse fare gesti inconsulti alla vista delle uniformi, i militari in abiti civili a bordo del proprio mezzo privato, simulando un passaggio casuale sul posto, provvedevano una volta affiancato il mezzo,  a bloccare immediatamente il giovane, mentre i colleghi in divisa giungevano immediatamente dal retro del mezzo garantendo la sicurezza degli operanti e del giovane stesso. La professionalità dei militi e lo stratagemma utilizzato si rivelavano fondamentali per la buona riuscita dell’intervento: il giovane, che piangeva a dirotto, aveva tra le gambe uno zaino aperto con all’interno la sua pistola marca COLT calibro 45, con il colpo in canna e il grilletto armato, pronta a fare fuoco. Solo l’immediato rintraccio e la prontezza d’intervento dei militari evitava il peggio, quanto ormai il giovane era in procinto di farla finita.

Il dispiacere per il lavoro perso, il disagio sociale che tale evento porta con sé, il rancore per il diverbio avuto con i colleghi, nonchè alcuni problemi sanitari seri di cui il giovane soffriva da tempo, lo avevano convinto a farla finita.

Il giovane laziale, dopo essere stato tranquillizzato dagli stessi militari e riportato alla calma, veniva trasportato, con l’ausilio di personale 118, presso l’Ospedale San Salvatore di L’Aquila,dove veniva ricoverato e subito sottoposto alle cure del caso.

Il serbatoio dell’arma conteneva ulteriori 6 proiettili, quasi ad evitare che l’insano gesto potesse fallire, e nel cassetto porta oggetti del mezzo venivano rinvenuti ulteriori 37 colpi calibro 45 e un ulteriore caricatore della stessa pistola contenente altri 7 colpi. All’interno della tasca del giubbotto del giovane, i militari rinvenivano anche un coltello a serramanico di tipo “Cecoslovacco”.

Le armi rinvenute, così le altre legalmente detenute presso l’abitazione del giovane, venivano tutte precauzionalmente ritirate.

 

author avatar
Magda Tirabassi

PROMO BOX

La Regione Abruzzo finanzia due nuovi centri per uomini autori di violenza domestica e di genere, uno sarà in provincia dell'Aquila
io ci provo
odissea 6
Santuario di Pietraquaria per la chiusura del mese mariano, appuntamento il 31 Maggio
Attività del Soccorso Alpino e Speleologico 2023: 12.365 persone soccorse, di cui oltre 7.622 feriti e 491 persone decedute
Giornata mondiale della Terra, il 21 Aprile passeggiata ecologica Plastic Free a Capistrello
La neve è tornata: imbiancata Forca d'Acero
parcheggio su Via Massimiliano Kolbe a Borgo Pineta
Rinvenuto ordigno inesploso a Luco dei Marsi
Il relatore Dott. Ivano De Santis con gli allievi del Liceo “B. Croce” di Avezzano
cv
sport
Pesca abusiva sulla costa abruzzese, la GdF sequestra oltre 3000 metri di reti poste in zone vietate
Preziose maioliche della chiesa della Madonna delle Grazie di Collarmele portate a Genova: "Analizzate per capire fabbricazione e datazione"
Lotta alle liste d'attesa in Sanità, Verì: "Potenziare la diagnostica per immagini"
arresto crabinieri
maltrattamenti
Castello baronale dei Colonna
imm
Ufficio postale di Collelongo chiuso per lavori: il Comune attiva il servizio navetta gratuito per i cittadini non motorizzati
Francesca Carolli premiata in Comune ad Avezzano, Simonelli: "Contento del successo delle Giornate dei Giovani Meritevoli
In memoria degli Angeli del Velino: gli studenti del Liceo "Croce" sul Salviano per conoscere pratiche di sicurezza in montagna
Cuccioli di capriolo, cervo o daino tra la vegetazione: "Non vanno toccati né nutriti, non sono abbandonati"
Screenshot_2024-04-17-09-35-48-552_com.facebook

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Carmine Chiuchiarelli
Carmine Chiuchiarelli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Domenico Cipriani (Memmo)
Domenico Cipriani (Memmo)
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Elia Gigli
Elia Gigli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Santino Taglieri
Santino Taglieri
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dott
Dott. Paolo Sante Cervellini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Loreta Carusi
Loreta Carusi
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina