Teatro Dei Marsi, il cinema di Sergio Leone rivive in chiave jazz



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano.  Possono il mondo del jazz e quello dei pistoleri essere protagonisti, per una sera, dello stesso palcoscenico? A quanto pare si ed infatti, ieri sera, il Teatro dei Marsi ha reso omaggio al grande regista Sergio Leone e ai suoi film, mediante il riadattamento in jazz di alcune delle musiche e colonne sonore più famose dei capolavori del cineasta italiano. “A Jazz Homage To Sergio Leone: Duck you, sucker”, questo il titolo dello spettacolo, è un originale progetto, nato dalla passione che i due musicisti jazz, Mauro Campobasso e Mauro Manzoni, hanno da sempre per il cinema e il mondo dei gangster. Nel corso del concerto, attraverso un montaggio di sequenze e immagini appartenenti alle opere cardine di Leone, come “C’era una volta in America”, “Giù la testa” o “Il buono, il brutto e il cattivo”, i 6 artisti (Mauro Manzoni, sassofoni, flauti, live electronics, Mauro Campobasso, chitarra, live electronics, Stefano Dallaporta, contrabbasso, basso elettrico, Walter Paoli, batteria, live electronics, Giuliana Schiavone, voce,  e Federica Orlandini, voce) hanno fatto rivivere al pubblico presente l’atmosfera western della frontiera, la poesia e la violenza della New York anni ‘20, ricorrendo ad uno stile musicale evocativo e originale. Immancabile la dedica ad Ennio Morricone, il più grande compositore cinematografico vivente del mondo, che è stato onorato in un simbolico intervallo, in cui i musicisti hanno lasciato parlare la stessa musica di Morricone, senza togliere o aggiungervi altro. Una serata ricca di storia, di emozioni e di ricordi, che attraverso l’assonanza tra il jazz e il mondo dei pistoleri ha rievocato il mito del cinema di Sergio Leone, leggenda degli spaghetti – western.

 




Lascia un commento