Tagliacozzo, Piccone:” Nessun allarme sociale. Contenti di smentita ipotesi di reato”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo – “Ci fa piacere che la Procura della repubblica di Avezzano abbia smentito l’ipotesi di un attentato in merito all’episodio che ha coinvolto il sindaco di Tagliacozzo. Una buona notizia per il sindaco, la sua famiglia, i tagliacozzani, ma anche per il nostro territorio”. Lo afferma l’onorevole Filippo Piccone (NCD).

“Dispiace però constatare – continua Piccone – che l’onorevole Gianni Melilla (Sel) abbia voluto formalizzare in una interrogazione parlamentare tale episodio definendolo “grave attentato” generando così con quest’azione un ulteriore allarme sociale che crea anche danno all’economia di Tagliacozzo, che ricordiamo è un centro di eccellenza marsicano a vocazione turistica, senza prima aspettare i dovuti riscontri dei Carabinieri e dei Vigili del Fuoco a cui va il nostro ringraziamento per l’efficienza e professionalità dimostrata.

Siamo stati tra i primi a manifestare la solidarietà al sindaco Di Marco Testa appena l’episodio ma, alla luce di quanto sta emergendo, non possiamo che rilevare come alcune ipotesi siano state legate, anche in maniera strumentale, al clima politico presente a Tagliacozzo.

Dal nostro punto di vista l’opposizione a Tagliacozzo ha spesso svolto un ruolo importante nell’interesse dei tagliacozzani sempre nel rispetto delle regole democratiche del confronto così da non creare mai dubbi interpretativi, sottolineando con forza come la politica non debba mai essere legata e confusa con meri atti di delinquenza. Si eviti quindi la strumentalizzazione di tale episodio, considerato anche l’imminente rinnovo amministrativo a cui i cittadini saranno chiamati a primavera”.




Lascia un commento