Tagliacozzo ospita Maurizio Boco, storico batterista e docente di musica



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo. Domenica 15 Gennaio la “Taverna Medioevo” di Tagliacozzo di Dario Bischetti ospiterà uno tra i più grandi batteristi italiani per una “Drum Clinc” d’eccezione. Maurizio Boco, storico fondatore e docente della “Fonderia delle Arti”, prestigiosa scuola di musica di Roma, illustrerà ai presenti alcune tematiche legate alla batteria rock: Poliritmi, ostinato, tempi dispari, uso del doppio pedale.

Musicista di gran talento, collabora come turnista con Amii Stewart, Patty Pravo, Massimo Di Cataldo, Albano & Romina e registra colonne sonore per film come “I soliti ignoti vent’anni dopo” e “La piovra 4”. Autore di album prog-rock e fusion, tra i quali ricordiamo “Summit” con Dino Kappa Project e “Terzo Movimento” e “Live” con Tony Carnevale, nel 2001 fonda il trio metal-prog BFH con il quale pubblica l’album d’esordio The Gate. Nel 2009 pubblica il suo primo cd solista intitolato “Trance Circular Groove” con ospiti Derek Sherinian (Planet X, Dream Theater) Giovanni Vigliar (Arti&Mestieri) e Giovanni Imparato. Autore, inoltre, di due dvd didattici dal titolo: “Rivolgersi alle casse” e “Ciak si suona”. Negli ultimi anni è particolarmente impegnato nella ricerca sulle potenzialità poliritmiche e politimbriche dello strumento, presentate attraverso drum clinics in tutta Italia, promosse in collaborazione con i suoi sponsor Tama e Ufip.

Prima dell’inizio della clinic, fissato per le 16, Boco sarà intervistato da Federico Falcone, giornalista di Marsicalive e redattore presso SpazioRock (magazine musicale tra i più attivi in Italia) per approfondire e ripercorrere, con i presenti in sala, una carriera lunga 30 anni. Al termine dell’evento sarà possibile partecipare all’aperitivo dove i partecipanti potranno incontrare, per autografi e foto, uno dei più grandi batteristi italiani.




Lascia un commento