STORIA DI UN UOVO… DI PASQUA!



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Fondente, al latte, decorate o fatto a mano. L’uovo, nelle festività pasquali, proprio non può mancare.
Non tutti sanno però , che ha assunto un valore religioso solo con l’avvento del Cristianesimo, rappresentando la resurrezione di Gesù dal Sepolcro.
Già dai tempi antichi le uova, rappresentava la vita; venivano scambiate come segno propiziatorio durante l’avvento della Primavera. Da questo valore simbolico prende vita la tradizione di decorare a mano, passando da un continente all’altro, senza esclusioni.

Nella tradizione più strettamente cristiana, l’uovo, nella forma e nell’aspetto “privo di vita”, somiglia a un sasso, come la pietra tombale a chiusura del Sepolcro; infatti proprio per il suo aspetto così “minimalista” (ma si potrebbe maliziare anche pensando al basso costo e alla facile reperibilità) veniva regalato alla servitù.
Solo recentemente,nell’800 con Fabergè e le sue uova di oro e di platino, questo dono pasquale assume il valore e le caratteristiche che oggi conosciamo (soprattutto l’idea della sorpresa all’interno).

Insomma…che sia di cioccolato, bianco, fondente, al latte…l’uovo è un elemento che non può mancare sulle tavole delle festività pasquali, magari accompagnato dalla tradizionale Pizza di Pasqua o dopo la frittata con la mentuccia. (S.C.)




Lascia un commento