Standing ovation per il Tenore Mariani e Ensemble di Santa Cecilia



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Un concerto potente e carico di emozioni quello vissuto sabato sera ad Avezzano , nella splendida cornice del Castello Orsini.

Il tenore marsicano Aleandro Mariani con Ensemble Strumentale di Santa Cecilia di Roma, diretta dal Maestro Pawel Gorajski, si è esibito nell’ambito della Settimana Marsicana, manifestazione organizzata dalla Pro loco di Avezzano guidata dal presidente Edoardo Tudico, in collaborazione con l’amministrazione comunale.

Una sala gremita ha dato un caloroso benvenuto al Maestro Mariani, giovane talento, ed ai musicisti di Santa Cecilia, per la prima volta su un palco abruzzese.

La serata, presentata con eleganza e simpatia da Luca Di Nicola, ha regalato al pubblico un repertorio lirico di grande spessore. Un imperdibile viaggio in musica caratterizzato da Preludio del primo atto-La Traviata di Giuseppe Verdi; Lied di Schubert-Ständchen; Una furtiva lagrima di Gaetano Donizetti; Ah, la paterna mano-Machbet; Questa o quella dal Rigoletto; Meditazione di Massenet; L’alba separa dalla luce l’ombra Francesco Paolo Tosti; Non ti scordar, De Curtis; Intermezzo Cavalleria Rusticana; Torna a Surriento, De Curtis; O sole mio, Capurro-Di Capua.

L’artista ha poi regalato, a concerto finito, ben due bis con La donna è mobile dal Rigoletto e Nessun dorma, Turandot-Puccini, che il pubblico ha salutato con una standing ovation ed interminabili applausi. Sul palco, oltre alla Pro loco di Avezzano, ha reso omaggio a Mariani ed ai musicisti di Santa Cecilia anche il sindaco Giovanni Di Pangrazio: “Aleandro con il suo talento è riuscito a riunire tante persone oggi, questa è la Marsica che vogliamo, vincente e compatta. La Settimana Marsicana è la prova che se vogliamo, uniti, riusciamo a creare qualcosa di unico, grazie al pubblico e grazie al Maestro Mariani per questo splendido concerto”.




Lascia un commento