Staff del sindaco Di Pangrazio, Carducci lascia



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Era stato scelto dall’attuale sindaco di Avezzano, Gianni Di Pangrazio, come uno dei redattori del programma di mandato e ora, a meno di un anno dalla conclusione proprio di quel mandato, ha firmato le dimissioni. Lascia il suo incarico al Comune di Avezzano, il professore Piero Carducci, uno dei dipendenti dell’ufficio del sindaco.

Carducci, assunto a tempo determinato come responsabile dell’attuazione del programma di mandato della squadra di governo “targata” Di Pangrazio, ha presentato le proprie dimissioni da un paio di giorni ma saranno ritenute valide, a tutti gli effetti, a partire dal primo luglio, considerato un periodo di ferie. Il professore Carducci, soprattutto in questi ultimi mesi, ha mantenuto un profilo “molto basso”, non presentandosi quasi mai in incontri pubblici e non esponendosi in prima persona in iniziative istituzionali ed è anche per questo che qualcuno parla di una “crisi” personale legata a dissapori avuti direttamente con il primo cittadino.

Docente universitario, ex direttore dell’aquilana Reiss Romoli, collaboratore per anni della segreteria di Prodi, il professore, che è anche un giornalista pubblicista con centinaia di pubblicazioni tra articoli e libri, ha in attivo prestigiosi incarichi in diversi Enti pubblici ed è per questo che non è facile credere che la sua uscita volontaria sia una questione di opportunità. Chiamato in causa, il docente universitario, naturalmente, non nega la circostanza delle dimissioni ma preferisce non entrare nel merito né quantomeno commentare sulla stampa.

«Rispetto il segreto d’ufficio», spiega, «e pertanto almeno fino al primo luglio, preferisco non dire nulla». Rimane il fatto che in città, del fatto che lasci proprio chi avrebbe dovuto garantire l’attuazione del programma di un’amministrazione pubblica, se ne parla già molto.




Lascia un commento