“Sport e salute in primo piano per la città di domani”, Concetta Balsorio in squadra con Di Pangrazio



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. Riceviamo e pubblichiamo. Arriva da una grande professionista del mondo sportivo un’altra candidatura eccellente che ha scelto di correre a fianco del sindaco Giovanni Di Pangrazio, candidato per il secondo mandato alla guida della città di Avezzano.

“Ho scelto di candidarmi al fianco di Giovanni Di Pangrazio perché lo considero il Sindaco del fare, una persona estremamente competente alla guida della città e soprattutto in grado di concretizzare e portare avanti i suoi propositi”, ha sottolineato Concetta Balsorio, presidente FIDAL Abruzzo, membro di giunta del CONI ed ex consigliere nazionale FIDAL, schierata tra i 24 candidati della lista ‘Io sto con Avezzano’.

“In particolare questo sindaco ha permesso che si realizzasse un mio sogno, che mi accomuna a tutti gli amanti dello sport, la creazione della ‘Città dello Sport’. Il progetto è già partito con un’opera di miglioramento dello Stadio dei Marsi attraverso la realizzazione di 8 corsie e la copertura parziale delle tribune che consentiranno di ospitare anche gare internazionali. Si sta procedendo anche alla rivalutazione della palestra di arti marziali, nonché del velodromo. Lo scopo è quello di creare ad Avezzano un turismo dello sport attraendo atleti nazionali ed internazionali di tutte le discipline sportive in virtù della posizione strategia di cui Avezzano gode per la sua vicinanza con Pescara e Roma nonché del gemellaggio con la Regione Lazio. Inoltre incentivare la pratica degli sport montani per creare ad Avezzano e in tutta la Marsica un grande indotto”.

“Tutto ciò”, continua, “costituisce la premessa per una maggiore promozione del nostro territorio, da sempre legato ad un’economia di tipo agroalimentare, abbinando la pratica sportiva ad uno stile di vita basato su una sana alimentazione. Condivido quest’esperienza con il dottor Ignazio Iucci, molto attento, come me, alle proprie radici territoriali”.




Lascia un commento