Spaccio tra i bambini che giocano a palla. La denuncia dei residenti di Borgo Ottomila: “Chiediamo sicurezza per i nostri figli”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Celano. Spacciano droga mentre i bambini giocano nella piazzetta del paese, tutti i giorni, a qualsiasi ora, non curanti dello sguardo attonito di genitori che chiedono ora alle istituzioni di risolvere una situazione che è diventata ingestibile.

È quanto accade a Borgo Ottomila, frazione di Celano nel cuore del Fucino. Qui lo spaccio di droga da parte di migranti di origine marocchina è all’ordine del giorno, anche in pieno giorno.

“Abbiamo segnalato quanto accade sia al Comune che alle forze dell’ordine del posto”, dicono alcuni residenti, “abbiamo bambini piccoli che giocano a palla in piazza e vicino al bar. Mentre loro giocano c’è un continuo via vai di auto, di persone che vengono a comprare la droga nella nostra frazione. Perché qui ci vivono dei migranti che non hanno pudore di nulla. Gli acquirenti sono italiani, qualcuno lo conosciamo, vediamo le loro targhe. Qualche volta qualcuno di noi ha provato anche ad allontanarli ma non è nostro compito fare questo. Lanciamo un appello tramite Terremarsicane in modo che chi deve intervenire lo faccia e prenda subito provvedimenti. Chiunque può entrare nei locali della ex scuola dove ci sono bilancini di precisione, avanti di spinelli, bustine, c’è di tutto. Gli amministratori vengano a vedere con i loro occhi quello che accade qui e quello che c’è in quella scuola. I nostri figli, nemmeno di dieci anni, sanno già riconoscere i diversi tipi di droga. È inaccettabile”.

“Siamo genitori preoccupati per la salute e la sicurezza dei nostri figli”, concludono, “non vogliamo andare contro nessuno, vogliamo solo essere ascoltati e aiutati. Vogliamo e pretendiamo una risposta dalle istituzioni che non possono lasciar correre solo perché tanto queste persone dopo qualche ora comunque vengono tirate fuori dal carcere. Noi siamo nati qui e qui vogliamo continuare a vivere, in sicurezza”.

 

Spaccio tra i bambini che giocano a palla. La denuncia dei residenti di Borgo Ottomila: "Chiediamo sicurezza per i nostri figli" Spaccio tra i bambini che giocano a palla. La denuncia dei residenti di Borgo Ottomila: "Chiediamo sicurezza per i nostri figli" Spaccio tra i bambini che giocano a palla. La denuncia dei residenti di Borgo Ottomila: "Chiediamo sicurezza per i nostri figli"




Lascia un commento