Spacca una porta in testa a una donna, denunciato un 45enne



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo– Dà di matto perché la moglie lo lascia e la va a cercare in un negozio di Avezzano. Aggredisce la zia di lei e le spacca una porta in testa, facendola finire in ospedale. La moglie si salva aderendo al programma del centro antiviolenza. Ennesima storia di violenza contro una donna, nella Marsica. Un uomo di Tagliacozzo di 45 anni è stato denunciato dagli agenti di polizia del commissariato di Avezzano, diretto dal vicequestore aggiunto, Paolo Gennaccaro, per maltrattamenti in famiglia.

Per lui è scattata una denuncia anche per lesioni e danneggiamenti nei confronti della zia della moglie, per quello che ha fatto all’interno di un negozio di Avezzano. Secondo la ricostruzione degli uomini della squadra anticrimine, coordinata dal sostituto commissario Gaetano Del Treste, che hanno curato il caso, l’uomo già da tempo maltrattava la moglie. La donna, però, non aveva mai avuto il coraggio di denunciarlo. Quando finalmente ha trovato il coraggio di lasciarlo ha trovato rifugio in una parente che le ha dato ospitalità. Il 45enne ha perso il controllo ed è andato a cercarla in un negozio di Avezzano, dove la zia ha un’attività commerciale. Sembrerebbe che qui abbia iniziato a spaccare tutto, picchiando la donna. La negoziante ha tentato di difendersi, spingendolo oltre la porta e dicendogli che nel suo negozio non doveva entrare in quelle condizioni. Nel tira e molla si è staccato il vetro della porta che è caduto, spezzandosi in testa alla malcapitata.

La donna è stata trovata a terra, in una pozza di sangue, da alcuni passanti. E’ stata portata in ospedale e curata. Ora è stata dimessa e sta meglio. L’uomo è stato denunciato. E’ difeso dall’avvocato Antonio Pascale. Gli interessi della zia della donna (la moglie dell’uomo si trova in una struttura protetta) sono rappresentati dall’avvocato Roberto Verdecchia.




Lascia un commento