Solidarietà, stop alla consegna dei giochi alla Polizia locale, Di Berardino: “grazie di cuore a tutti per questa pagina di grande umanità”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano Stop alla consegna dei giocattoli per i bimbi afgani in fuga dal regime talebano: il punto di raccolta istituito dall’amministrazione Di Pangrazio nella sede della Polizia locale -in via don Minzoni n. 76 a Borgo Pineta- preso letteralmente d’assalto da avezzanesi, marsicani e turisti, che hanno donato di tutto in questi giorni, è stato chiuso dal Comune, poiché il campo di accoglienza è in via di smobilitazione. 

    Centinaia di profughi, infatti, sono stati trasferiti dall’Interporto ai luoghi di accoglienza sparsi nel Bel Paese, mentre gli altri spostamenti sono in agenda per i giorni a seguire fino al completo svuotamento del campo temporaneo tirato su in fretta e furia dall’imponente macchina organizzativa della Croce rossa italiana, la Protezione civile e l’esercito. 

    “Grazie di cuore a tutti”, afferma il vice sindaco, Domenico Di Berardino, “per questa bella pagina di solidarietà scritta da avezzanesi, marsicani e turisti verso chi è stato costretto a fuggire dalle proprie abitazioni per non cadere nella mani dei talebani. I tanti giocattoli donati hanno regalato un sorriso e un messaggio di speranza a quei bambini e alle loro famiglie. Ora via via il campo gestito dalla Croce rossa italiana e dalla Protezione civile, sotto l’occhio di forze dell’ordine e militari, si sta svuotando, quindi, abbiamo deciso di chiudere il punto di raccolta istituito alla Polizia locale”.