Soci Avis di Capistrello chiamati al rinnovo degli organi sociali dopo le dimissioni in blocco del direttivo



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

 

Capistrello – Appassionata relazione, quella tenuta dalla presidente dell’Avis di Capistrello, Maria Rita Fracassi, davanti all’assemblea dei soci, sabato 8 febbraio. La plenaria è stata convocata per eleggere il nuovo direttivo dopo che lei aveva rassegnato le dimissioni insieme alla maggioranza del vecchio organo esecutivo.   

Nel suo intervento la Fracassi ha sottolineato gli impegni che hanno caratterizzato l’anno appena trascorso, coinciso con le celebrazioni del trentennale dell’associazione, nell’ambito delle quali, fu inaugurata la nuova sede intitolata a Roberto Di Marco, socio storico Avis, imprenditore di Capistrello e figura impareggiabile dell’associazionismo, venuto a mancare anzitempo in tragiche circostanze. 

Alla sua memoria l’Avis ha istituito una borsa studio-lavoro che ogni anno verrà sorteggiata fra i neo diciottenni di Capistrello che avranno fatto la loro prima donazione di sangue. Nell’occasione la consegna è stata effettuata da Lorella Bisegna, moglie dell’imprenditore.   

La presidente dimissionaria ha ricordato il disagio patito dall’associazione nei fatiscenti locali dell’ex scuola in via Angelo Bucci, aggiungendo che il precario stato dell’immobile era stato segnalato all’amministrazione comunale senza però suscitare interventi risolutivi. Da qui la necessità di rivolgersi a privati, pagando un affitto, per avere una sede presentabile e dignitosa. 

La relazione programmatica ha illustrato le diverse attività istituzionali dell’associazione come la gestione delle donazioni, la raccolta di sangue tramite autoemoteca, le attività extra istituzionali inerenti l’organizzazione di eventi, le gite sociali e altre iniziative di varia natura. Particolare incisività è stata posta dalla Fracassi sull’aggiornamento e la revisione degli elenchi dei soci, oltre che sul riordino delle schede di donazione.

Infine, ha affrontato il tema più spinoso, probabilmente quello che ha determinato le sue dimissioni, ovvero la diversità di vedute all’interno del direttivo diventata col tempo insanabile. La ormai ex presidente ha parlato apertamente di «malcelata avversione nei confronti della sua persona.» 

Nelle conclusioni ha ringraziato i soci intervenuti e i delegati provinciale e regionale dell’AVIS per non aver fatto mancare la loro presenza. Ha terminato rivolgendo l’augurio di buon lavoro al nuovo direttivo, eletto all’unanimità e formato da Lusi Ermenegildo, Domenico Di Domenico, Di Matteo Patrizia, Fracassi Maria Rita, Lusi Alma, Persia Enzo e Stati Reginaldo. 

Il direttivo ha indicato in Lusi Ermenegildo il nuovo presidente che avrà il compito di traghettare la sezione Avis di Capistrello fino al 2021