Snowfinch Day, Giornata nazionale di studio e sensibilizzazione sul fringuello alpino



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

L’AquilaSabato 2 ottobre 2021 a Campo Imperatore (zona albergo – stazione di monte della funivia), si svolgerà lo Snowfinch Day: “Giornata Nazionale di Studio e Sensibilizzazione sul fringuello alpino Montifringilla nivalis”, giunto alla sua XVI edizione.

Nell’ambito delle attività programmate è prevista anche un’escursione guidata aperta al pubblico nel comprensorio di Campo Imperatore. L’evento ha già riscosso e continua a riscuotere grande successo nel panorama nazionale e vede, ogni anno, la partecipazione di ricercatori e appassionati.

Il Reparto Carabinieri Biodiversità di L’Aquila, attraverso il “Centro Studi Ricerche e Conservazione dell’Avifauna e degli Ecosistemi d’Altitudine”, durante l’anno ha organizzato una serie d’incontri didattici divulgativi aperti al pubblico, promuovendo così la conoscenza e la valorizzazione della biodiversità.

La manifestazione pone l’interesse sull’avifauna legata agli habitat d’alta quota, con particolare riferimento al fringuello alpino Montifringilla nivalis, specie simbolo per eccellenza delle alte vette, molto diffusa nel territorio del Gran Sasso.

L’innalzamento della temperatura, per “effetto serra”, sta mettendo in pericolo molte specie; tra queste, quelle degli ecosistemi d’alta quota sono esposte ad elevato rischio a causa dei loro marcati adattamenti alle condizioni rigide delle cime montuose.

Il Reparto Carabinieri Biodiversità L’Aquila, in sinergia con altri Enti di ricerca nazionali ed esteri e con il supporto del Servizio Scientifico dell’Ente Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, da anni studia la dinamica di popolazione del fringuello alpino sul massiccio del Gran Sasso.

Le risultanze scientifiche, ottenute nell’arco di un ventennio, hanno dato modo di seguire il “destino” dei fringuelli alpini nel corso del tempo. È stato dunque possibile quantificare il tasso di sopravvivenza della specie e relazionarlo in base al sesso, all’età degli individui e all’andamento meteorologico stagionale.

Collaborano alla realizzazione della manifestazione, il Giardino Botanico Alpino di Campo Imperatore “Vincenzo Rivera” dell’Università degli Studi di L’Aquila, l’Ente Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, l’Assessorato all’Ambiente del Comune di L’Aquila, il Centro Turistico Gran Sasso del Comune di L’Aquila, l’Associazione Pro Natura L’Aquila e l’Associazione Gruppo Ornitologico Snowfinch Onlus.

Comunicato stampa Raggruppamento Carabinieri Biodiversità - Reparto Biodiversità di L’Aquila