Sicurezza scuole e “verità travisate”, Ciciotti replica alla minoranza



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Capistrello – “La minoranza del Comune di Capistrello, incapace di svolgere il proprio ruolo, attacca un’ Amministrazione che ha fatto delle scuole il proprio motto ed il proprio impegno prioritario. Tanto è vero che abbiamo stanziato 1,6 milioni di euro, di fondi propri, per l’adeguamento sismico della Scuola Media Sabin e a breve saranno avviati i lavori”. E’ quanto afferma il sindaco del Comune di Capistrello Franco Ciciotti.

“Mi ero ripromesso di non dare più ascolto ai continui capricci di una minoranza irresponsabile e vuota di contenuti, ma sulla questione delle scuole no. Sento il dovere di rispondere. Le domande alla minoranza, ed in particolare al consigliere Piacente, ex assessore al Bilancio, le poniamo Noi nuovi amministratori. E allora chiediamo: dove sono stati i precedenti amministratori per cinque anni? Perché non hanno provveduto, dal 2010, nonostante le preoccupazioni espresse dai genitori sullo stato di sicurezza delle scuole, ad agire per sanare le problematiche degli istituti scolastici?

Perché, dal 2013, dopo la relazione di vulnerabilità sismica, non hanno adottato i suggerimenti del Responsabile Tecnico che li invitava a predisporre i relativi progetti di risanamento? Perché, se è vero, come continuano ad affermare, di avere lasciato nelle casse del Comune ingenti somme, non le hanno utilizzate, in passato, per la messa in sicurezza delle scuole e degli edifici comunali? Perché il consigliere Piacente affermò in consiglio comunale, in data 25 giugno 2015, che“gli indici di vulnerabilità sismica richiedono un intervento molto urgente sulla palestra della Scuola Sabin, ma per gli altri edifici non vi è questa urgenza”. Oppure ci vogliamo soffermare sulla perdita di un finanziamento di € 240.000 già concesso o sul mancato finanziamento della Regione per l’adeguamento sismico di edifici pubblici? L’Amministrazione Lusi perse quei fondi perchè non fornì la documentazione necessaria ad accogliere la proposta. Potrei continuare all’infinito.

Oggi, dopo la gestione di una Amministrazione latente, come fanno i camaleonti che cambiano pelle ad ogni stagione, anche il nostro consigliere Piacente ha deciso di vestire abiti nuovi. Non importa se per cinque anni l’Amministrazione Lusi ha dedicato importanza al campo sportivo, alla nuova struttura del Comune, poi abbandonata per la revoca dei finanziamenti, e ad altre opere secondarie non preoccupandosi assolutamente delle scuole. Oggi, preferisce compiere azioni ciniche con il solo scopo di danneggiare l’immagine del Sindaco su vicende che sono riconducibili esclusivamente all’inerzia e all’ incapacità della precedente Amministrazione di affrontare e risolvere i problemi della comunità.

La riapertura delle scuole è basata su dati scientifici, sugli esiti delle prove riportati sulle relazioni dei tecnici comunali e dei progettisti e sulle indagini effettuate sui materiali, in possesso anche dei consiglieri di minoranza, e non sulle interpretazioni personali come si vuole fare apparire. Le scuole sono state riaperte perché i parametri di vulnerabilità sismica risultano ampiamente superiori ai limiti stabiliti dalla legge.

D’altronde i consiglieri di minoranza non hanno ascoltato nemmeno il consiglio del Presidente D’Alfonso che in una comunicazione, riferita alla pericolosità del territorio regionale, relativamente a possibili scosse sismiche, nota anche ai consiglieri di minoranza, recita ”La nostra intelligenza deve indurci, però, a non generare facili, inutili e dannosi allarmismi, ma allo stesso tempo, deve quanto meno scuotere le nostre coscienze sulle cose da fare malauguratamente dovesse – la Commissione – aver fatto una previsione corretta”.

La minoranza ha perso un’altra occasione per dimostrare intelligenza, maturità e spirito costruttivo. Bastava, come hanno fatto in tutti i comuni del circondario, sedersi sul tavolo delle decisioni con la maggioranza per assumere provvedimenti condivisi e accettati anziché spargere fango. Per concludere riporto le dichiarazioni di stampa dell’ ex Vice Sindaco che, in data 09.09.2013, ebbe a dichiarare: “La relazione finale ha stabilito che…. per quanto concerne l’aspetto statico della struttura si può ritenere ad oggi ancora utilizzabile per le attività didattiche. Dunque i risultati permetteranno l’apertura del plesso, ma saranno necessari lavori di adeguamento negli anni a venire. In merito alle notizie di stampa dei giorni scorsi, lo stile della nostra Amministrazione è quello di non fare polemiche e strumentalizzazioni di fronte alla sicurezza dei ragazzi. Chi lo fa se ne assume la responsabilità davanti ai propri figli e al paese. D’altronde la politica in questo caso ha dato un buon esempio: la minoranza sulla stampa locale ha promosso l’idea di valutare come positiva la riapertura della Scuola proprio come stabilito dall’Amministrazione Comunale, a dimostrazione che di fronte alle cose importanti bisogna saper essere costruttivi e positivi”.

Non servono ulteriori commenti per dimostrare da che parte si trova la verità e da quale parte si trova lo sfruttamento scandalistico di informazioni allo scopo di danneggiare l’immagine dell’avversario, specialmente politico”.




Lascia un commento