Sicurezza scuole, ad Avezzano l’opposizione punta i piedi e presenta un’interrogazione: “Vogliamo le carte”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. I consiglieri comunali di Partecipazione Popolare, Alessandro Barbonetti, Vincenzo Gallese e Alberto Lamorgese, hanno presentato un’interrogazione urgente a risposta scritta rivolta al sindaco Gianni Di Pangrazio sullo stato della sicurezza delle scuole, con particolare riferimento all’Istituto Comprensivo Corradini-Fermi-Mazzini.

“Dopo innumerevoli richieste dei genitori – osservano i consiglieri – non è ancora chiara la reale situazione strutturale dell’Istituto comprensivo Corradini-Fermi-Mazzini di Avezzano. A fronte della crescente e legittima preoccupazione dei genitori, riunitisi in un comitato, osserviamo che il sindaco sulla questione della sicurezza scarica la responsabilità sulla dirigenza e la dirigenza continua a ripetere che le scuole rispettano i parametri di legge, sono agibili ma nessuno si pronuncia sul fatto se siano sicure o meno”.

Nell’interrogazione i consiglieri chiedono tra le altre cose di sapere “per quale motivo non si abbia traccia della più volte annunciata perizia dell’Enea sul livello di sicurezza dell’Istituto Comprensivo Corradini-Fermi-Mazzini di Avezzano. Nelle due relazioni (2012 e 2015) su questo stesso Istituto, viene indicato un indice di vulnerabilità sismica pari allo 0,149. A questo dato è seguita una strana correzione dell’indice comunicata l’8 settembre 2016, stavolta pari allo 0,304. Quest’ultimo indice, però, coincide con il ‘fattore di sicurezza al limite di salvaguardia della vita’, e non con l’indice di vulnerabilità sismica. Al momento, quindi, lo 0,149 è l’unico dato certo di cui disponiamo sul valore di vulnerabilità scaturito dalla relazione dell’ingegner Caroli. In base al decreto legge regionale il valore minimo per la chiusura di una scuola è pari allo 0,20, mentre l’Istituto Corradini-Mazzini-Fermi sarebbe quindi rimasto e rimane tuttora aperto con un indice 0,149. Una circostanza che, se confermata, sarebbe di una inaudita gravità, tale da dover essere chiarita nelle competenti sedi”.

“Dopo tutto questo inaccettabile caos sugli indici – osserva Barbonetti – il Comune di Avezzano ha comunicato che entro il 15 di novembre sarebbe stata resa nota la terza perizia dell’Enea. Per quale motivo questa terza perizia non viene resa nota? Ma c’è questa terza perizia o è solo il solito gioco di prestigio del Sindaco per temporeggiare e rabbonire i genitori? Non voglio neppure pensarci, ma mi chiedo cosa accadrebbe se una scossa del pari di quella di Norcia colpisse Avezzano in una qualsiasi mattina, nel mentre gli studenti sono a Scuola. Nessuno dell’Amministrazione comunale si pone questa semplice questione, eppure si tratta di applicare solo il buon senso. Non si può perdere ancora tempo in questa situazione, data la conclamata sismicità della Marsica. E’ cinico perdere tempo, come sta facendo l’Amministrazione tra perizie e scartoffie, trattandosi di questioni delicatissime che attengono la sicurezza di bambini, adolescenti e personale delle scuole”.

“Per quale motivo – commenta Lamorgese – a fronte della acclarata criticità dell’Istituto Mazzini-Fermi-Corradini il Sindaco non ha provveduto a dotarsi di MUSP (moduli a uso scolastico provvisorio) a spese del Comune? Ad Avezzano tutto è rimasto fermo, a differenza di comuni come Pratola Peligna o Sulmona, dove amministrazioni comunali ben più sensibili a queste esigenze si sono mosse subito per far studiare i propri giovani in totale sicurezza. Nel mentre il Sindaco nega i MUSP ai 1200 studenti dell’Istituto in questione, Il Sindaco si è dotato di uno staff di 10 persone, e per non farsi mancare nulla ha pure assunto da poco un altro dirigente, Sergio Natalia, a 64mila euro/anno più premi e benefit. Risparmiando sulle enormi spese inutili per dirigenti, staffisti ed eventi “culturali”, il Comune avrebbe potuto affittare a proprie spese tutti i MUSP che servono. La cosa da fare senza indugio, considerato l’enorme e ingiustificabile ritardo del Programma Scuole Sicure dell’Amministrazione”.

“Sulla sicurezza delle scuole vediamo un sindaco in evidente fuga dalle sue responsabilità di primo cittadino, ahimé, e non è la prima volta – osserva Gallese. Di Pangrazio deve smetterla di giocare allo scaricabarile ed uscire dall’inerzia per far fronte alla situazione di emergenza delle scuole insicure. I moduli provvisori possono essere montati in 30/40 giorni, utilizzando la piattaforma logistica a suo tempo predisposta dalla Provincia dell’Aquila nei pressi del Liceo Scientifico. E’ solo questione di volontà politica. Il sindaco, come osservato da diversi genitori, si sta assumendo l’oggettiva responsabilità delle conseguenze di eventuali eventi drammatici che, allo stato attuale, nessuno può escludere”.

Il testo dell’interrogazione:

Avezzano, li 25.11.2016
Al Presidente del Consiglio Comunale
Domenico Di Berardino
-sede
Oggetto: interrogazione urgente a risposta scritta rivolta al Sindaco su Sicurezza Scuole con particolare riferimento all’Istituto Comprensivo Corradini-Fermi-Mazzini di Avezzano – art.75 del regolamento sul funzionamento del Consiglio comunale
Premesso che:
-dopo i tragici terremoti di Amatrice e di Norcia, è cresciuta l’attenzione sui temi della prevenzione e della sicurezza, anche per quanto concerne Scuole ed edifici pubblici;
-dopo innumerevoli richieste dei genitori ed altrettanti rinvii, non è ancora chiara la reale situazione strutturale dell’Istituto Comprensivo Corradini-Fermi-Mazzini di Avezzano;
-a fronte della crescente e legittima preoccupazione dei genitori, riuniti in Comitato, osserviamo che il Sindaco sulla questione della sicurezza scarica la responsabilità sulla dirigenza e la dirigenza continua a ripetere la solita tiritera, ovvero che le scuole rispettano i parametri di legge, sono agibili ma nessuno si pronuncia sul fatto se siano sicure o meno;
-i genitori non vogliono tatticismi politici, certificati, burocrazia e balletti sugli indici di sicurezza, ma vogliono soltanto rassicurazioni e tranquillità per i loro figli. E sicurezza e tranquillità dovrebbero essere assicurati da un Amministratore pubblico degno di questo nome;
-è tra l’altro paradossale che a pochi mesi dalla fine del mandato, proprio in queste settimane, il Sindaco scriva ai suoi dirigenti chiedendo informazioni sulla situazione degli edifici scolastici, come se stesse rivolgendosi ad un altro Ufficio pubblico. La situazione di angoscia in cui vivono le famiglie non può giustificare simili trucchi da prestigiatore, ai quali il Sindaco ci ha purtroppo abituati in questi anni di malagestione della Città.
Tutto ciò premesso, si chiede di sapere:
-per quale motivo il programma “Scuole sicure” è in forte ritardo rispetto a quanto pubblicizzato dalla stessa Amministrazione nell’estate 2015, allorché i cittadini sono stati rassicurati con una colorata e costosa brochure a colori sul fatto che nell’estate 2016 buona parte dei plessi scolastici sarebbe stata in sicurezza. Un ritardo colpevole ed ingiustificabile, dato che i fondi per la sicurezza pubblica sono disponibili dal 2012;
-per quale motivo non si ha traccia della più volte annunciata perizia dell’Enea sul livello di sicurezza dell’Istituto Comprensivo Corradini-Fermi-Mazzini di Avezzano. Nelle relazioni del 2012 e del 2015 su questo stesso Istituto, viene indicato un indice di vulnerabilità sismica pari allo 0,149. A questo dato è seguita una correzione dell’indice comunicata l’8 settembre 2016, stavolta pari allo 0,304. Quest’ultimo indice, però, coincide con il ‘fattore di sicurezza al limite di salvaguardia della vita’, e non con l’indice di vulnerabilità sismica. Al momento, quindi, lo 0,149 è l’unico dato certo di cui disponiamo sul valore di vulnerabilità scaturito dalla relazione dell’ingegner Caroli. In base al decreto legge regionale il valore minimo per la chiusura di una scuola è pari allo 0,20, mentre l’Istituto Corradini-Mazzini-Fermi sarebbe quindi rimasto e rimane tuttora aperto con un indice 0,149. Una circostanza che, se confermata, sarebbe di una inaudita gravità, tale da dover essere chiarita nelle competenti sedi;
-dopo tutta questa confusione sugli indici, il Comune di Avezzano ha comunicato che entro il 15 di novembre sarebbe stata resa nota la terza perizia dell’Enea. Per quale motivo questa terza perizia non viene resa nota? Ma c’è questa terza perizia o è solo il solito escamotage del Sindaco per temporeggiare?;
-per quale motivo, a fronte della acclarata criticità dell’Istituto in questione, il Sindaco non ha provveduto a dotarsi di MUSP (moduli a uso scolastico provvisorio) a spese del Comune? Ad Avezzano tutto è rimasto fermo, a differenza di comuni come Pratola Peligna o Sulmona, dove amministrazioni comunali ben più sensibili a queste esigenze si sono mosse per applicare i principi di prevenzione e precauzione far studiare i propri giovani in totale sicurezza. E’ appena il caso di osservare che, nel mentre il Sindaco nega i MUSP ai 1200 studenti dell’Istituto in questione, Il Sindaco si è dotato di uno staff di 10 persone, e per non farsi mancare nulla ha pure assunto da poco un altro dirigente, Sergio Natalia, a 64mila euro/anno più premi e benefit. Risparmiando sulle enormi spese inutili per dirigenti, staffisti ed eventi “culturali”, il Comune avrebbe potuto affittare a proprie spese tutti i MUSP che servono.
In conclusione, il Sindaco, come osservato da diversi genitori, si sta assumendo l’oggettiva responsabilità delle conseguenze di eventuali eventi drammatici che, allo stato attuale, nessuno può escludere. Prevenire e mettere in sicurezza è l’unica strada che abbiamo e che un Sindaco dovrebbe percorrere senza essere a questo sollecitato dai genitori in crescente apprensione.  Ed è quello che stanno facendo senza tanto clamore buoni sindaci, come quelli di Pratola e Sulmona, dei modelli da imitare.
I Consiglieri di Partecipazione Popolare
Alessandro Barbonetti
Vincenzo Gallese
Alberto Lamorgese



Lascia un commento