Sicurezza scuole a Tagliacozzo, il Comitato dei genitori: “Abbiamo scritto anche al prefetto”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo. Riceviamo dal Comitato Autonomo Genitori di Tagliacozzo e pubblichiamo:

In considerazione dell’aumentato rischio per l’incolumità pubblica derivante dall’evoluzione dell’evento sismico, come evidenziato dalla commissione Grandi Rischi nel verbale del 20/01/2017 che recita: “… ad oggi non ci sono evidenze che la sequenza sismica sia in esaurimento.

La Commissione identifica tre aree contigue la faglia principale responsabile della sismicità in corso, che non hanno registrato terremoti recenti di grandi dimensioni e hanno il potenziale di produrre terremoti di elevata magnitudo (M6-7)”, il Comitato Autonomo Genitori, nell’ultima riunione, tenutasi in data 27/01/2017 ha deciso all’unanimità di continuare a chiedere a gran voce che gli alunni delle scuole di Tagliacozzo possano frequentare le lezioni in strutture sicure. E’ stata rinnovata al Sindaco la richiesta d’istallazione dei MUSP nell’immediatezza, a salvaguardia dell’incolumità degli studenti, dei docenti e del personale ATA di tutti i plessi dell’Istituto Onnicomprensivo Andrea Argoli.

Nella sua risposta lo stesso ribadisce l’impossibilità di tale soluzione, sia per motivi economici che per impedimenti legislativi. Il Comitato Autonomo Genitori si è rivolto anche al Prefetto e per conoscenza anche ad altri organi competenti, per verificare la sussistenza del configurarsi del danno erariale e per porre l’attenzione sulla situazione sicurezza delle scuole di Tagliacozzo, evidenziando ciò che emerge dalle verifiche tecniche di Vulnerabilità Sismica e dal DVR (Documento di Valutazione del Rischio), sottoposti anche al parere di esperti esterni e in relazione al comunicato della commissione Grande Rischi.

Scale antincendio mancanti, non a norma o non sicure, a Tagliacozzo cresce la preoccupazione tra i genitori




Lascia un commento