Sicurezza in montagna, Pietrucci scrive a Liris: “dopo la tragedia del Velino serve riflessione di ben altro spessore”



Abruzzo – “Caro assessore, il tema serio e drammatico della sicurezza in montagna, a poche settimane dalla tragedia del monte Velino, richiede una riflessione di ben altro spessore, e non una proposta che esiste da anni. Ti avranno già segnalato, immagino, che l’obbligatorietà dell’ARTVA (la ricetrasmittente a onde radio che individua chi è sepolto da una valanga) vige già in Italia e in Abruzzo.

E’ un obbligo scritto da oltre 17 anni nella L. 363/2003,  all’art. 17 (Sci fuori pista e sci-alpinismo). 1. […] 2. I soggetti che praticano lo sci-alpinismo devono munirsi, laddove, per le condizioni climatiche e della neve, sussistano evidenti rischi di valanghe, di appositi sistemi elettronici per garantire un idoneo intervento di soccorso. E’ un obbligo scritto da oltre 15 anni nella LR. 24/2005, all’art. 99 (Sci fuoripista, scialpinismo e alpinismo) 1. […]  2. I soggetti che praticano lo scialpinismo devono munirsi di Apparecchio di Ricerca dei Travolti in Valanga (ARTVA), Pala e Sonda per garantire un idoneo intervento di soccorso. 3. […] Altro che Regione “pioniera nel settore…con una legge d’avanguardia”! Volendo contemplare anche gli escursionisti con ciaspole o ramponi, basterebbe un emendamento di mezzo rigo.

Ma il tema è molto più rilevante. Per l’obiettivo sacrosanto di promuovere la cultura della sicurezza in montagna serve una strategia a 360°. Servono azioni di sviluppo locale, politiche di formazione e informazione, pratiche di conoscenza e manutenzione del territorio, educazione alla prudenza, al senso di responsabilità e alla consapevolezza del rischio, promozione di pratiche sportive rispettose della montagna, della natura, del clima, sostegno a chi opera in quota, coordinamento continuo tra i corpi dello Stato e il volontariato sociale.

E’ tutto questo, dunque, che va messo in pratica: incrementando i finanziamenti e il sostegno concreto all’insieme delle associazioni impegnate a valorizzare e promuovere la montagna e nel soccorso in caso di disgrazie o calamità; dando piena applicazione alla L.R. 42 del 2016 “Istituzione Rete Escursionistica Alpinistica Speleologica Torrentistica Abruzzo (REASTA) per lo sviluppo sostenibile socio-economico delle zone montane e nuove norme per il Soccorso in ambiente montano” una normativa moderna e molto efficace se adeguatamente finanziata che la Regione (su mia proposta, sottoscritta anche da Monticelli e Berardinetti, condivisa da tutto l’associazionismo montano, dal CNSAS al CAI al Collegio delle Guide Alpine) ha approvato oltre 4 anni fa; riportando all’Aquila la Sede regionale del Soccorso Alpino provocatoriamente trasferita a Pescara e su cui sto depositando una proposta di legge condivisa con il collega Santangelo; assicurando adeguati e tempestivi ristori agli operatori della montagna a cui è affidata, con la gestione di impianti e strutture di servizio, una preziosa azione di monitoraggio, presenza e intervento sul territorio; con nuovi investimenti per la manutenzione e la valorizzazione del sistema di sentieri, ferrate e rifugi: questa scelta, fatta nella scorsa legislatura da me e da Lolli, destinò 2,7 milioni di euro al Parco Gran Sasso-Laga favorendo lo straordinario afflusso turistico di questi anni soprattutto in estate e a causa della pandemia; rilanciando il lavoro da noi avviato sul Piano d’Area e sulla valorizzazione multistagionale della montagna, multistagionale con discipline sportive in crescita, dal trekking al fondo, dal biking al downhill, dai sentieri per disabili alle ippovie; promuovendo una regia condivisa e tavoli permanenti di monitoraggio tra i soggetti interessati, per non essere costretti a discutere solo quando avvengono le disgrazie.

Queste, caro assessore, sono le cose serie e importanti da fare per promuovere la cultura, il rispetto, la conoscenza e la sicurezza la sicurezza in montagna. Avevo già rivolto a tutti i rappresentanti aquilani un appello alla collaborazione istituzionale, da te ignorato. Mi auguro questa volta di trovare il tuo ascolto”.

LEGGI ANCHE

Sicurezza in montagna: “Obbligatorietà del dispositivo ARTVA in Abruzzo” la proposta dell’Assessore Liris