Si schianta sulla ex Superstrada del Liri mentre va a lavoro muore trentenne di Celano



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Celano. Tragedia sulla ex Superstrada del Liri, nel territorio di Sora. Lucia Pierleoni, trentenne di Celano è morta per le ferite riportate in uno scontro violento.

La giovane stava percorrendo la ex Superstrada per raggiungere il luogo di lavoro. Da poco aveva preso un lavoro in un’azienda della zona di Latina, del gruppo Johnson e Johnson.

Sul posto sono arrivati i carabinieri di Sora. Pierleoni era alla guida di una Lancia Y Elefantino. Si è violentemente scontrata, frontalmente, con un furgone che proveniva in direzione opposta.

Purtroppo sono stati inutili i soccorsi degli operatori del 118 e il lavoro dei vigili del fuoco che l’hanno estratta dalle lamiere.

Pierleoni ieri aveva trascorso la giornata di Pasquetta in tranquillità con la comitiva di sempre, dei coetanei di Celano. Era stata in loro compagnia fino a verso le 22, in uno chalet sulla “Montagnola” e poi era rincasata presto proprio perché questa mattina sarebbe dovuta andare a lavoro.

La notizia lascia sgomenti. Chiunque conoscesse la trentenne che ha perso la vita la ricorda come una giovane educatissima, simpatica e discreta. “Un fiore strappato alla vita troppo giovane, è molto ingiusto e difficile da accettare”, commenta un amico.

Il cordoglio del sindaco di Celano, Settimio Santilli: “È una notizia che ho appena appreso e mi lascia sgomento e molto rattristato. Una ragazza molto in gamba e nel pieno della vita, che non meritava di certo di perderla così presto. Non esistono parole per poter colmare un dolore e un vuoto così grande, con forte commozione esprimo a nome dell’intera cittadinanza di Celano il nostro profondo cordoglio alla famiglia”.

La procura di Cassino ha ordinato il sequestro della salma, che si trova all’ospedale di Cassino. Domani mattina si saprà se ci sarà o no l’autopsia.

 




Lascia un commento