Si inaspriscono i toni alla Santa Croce. Autotrasportatori bloccati da ore



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Canistro. Lavoratori a braccia conserte davanti allo stabilimento della Santa Croce. In questo momento (16.00) davanti allo stabilimento è stato impedito ai camionisti, arrivati questa mattina, di uscire con i carichi dell’acqua.

All’interno dello stabilimento c’è Camillo Colella. Ieri i carabinieri della compagnia di Tagliacozzo hanno lavorato all’interno dello stabile per 12 ore. Hanno sequestrato tutti i rubinetti e i pozzetti che consentissero di continuare a prelevare acqua. Un’operazione coordinata dalla procura di Avezzano.

Oggi è iniziato lo sciopero dei lavoratori che hanno chiamato a raccolta davanti ai cancelli anche i cittadini di Canistro che stanno ora impedendo l’uscita dei mezzi pesanti. Sul posto è stato richiesto l’intervento dei carabinieri.

Gli autotrasportatori,  che vengono da Napoli, Battipaglia, Latina e Frosinone, non aderiscono allo sciopero, ma sono stati bloccati sul cancello dai dipendenti che sono gli stessi che stamattina hanno fatto le bolle per far uscire i carichi. Sul posto è arrivato anche il sindaco Angelo Di Paolo.

LEGGI ANCHE: La Procura invia i carabinieri alla Santa Croce. Perquisizioni e sequestri

Santa Croce, tre giorni di sciopero dei lavoratori e presidio davanti allo stabilimento

Telenovela Santa Croce. La proprietà riconsegna le chiavi ma la sorgente è ancora aperta

 

 

 



Lascia un commento