Servizio di tutorato, disagi per tudenti disabili nella sede avezzanese di giurisprudenza



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – Un problema non certamente secondario della sede di Avezzano di giurisprudenza dell’Università degli studi di Teramo è il servizio di tutorato per i ragazzi disabili.

Nel corso degli anni il servizio, infatti, sembra essere risultato troppo discontinuo. Lo scorso anno ad esempio il servizio è stato attivato soltanto per il periodo che va dal mese di dicembre a quello di marzo, lasciando scoperte parti importanti dell’anno accademico. Nell’anno accademico in corso il servizio non è stato attivato, non essendo uscita neanche la domanda per accedere allo stesso.

Questo problema ha portato non pochi disagi a quei ragazzi disabili che, in mancanza di un tutor, nei casi più gravi non hanno potuto seguire le lezioni e in generale non hanno avuto un punto di riferimento importante per poter seguire le lezioni al pari di tutti gli altri.

Alcuni di questi ragazzi si sono trovati costretti a contattare dei tutor e a sostenere personalmente le relative spese. La questione è abbastanza delicata e ancora oggi non si vede una soluzione al riguardo, considerando che i responsabili del servizio  non hanno dato risposte esaustive circa le modalità e i tempi di risoluzione del problema.

Rimane comunque una necessità elevata di tutor che seguano i ragazzi disabili nello studio e nel seguire le lezioni ove si consideri che alcuni di questi hanno difficoltà a leggere e scrivere, necessità che esprimono valori direttamente riconosciuti dalla costituzione, come l’eguaglianza sostanziale (art.3) e il diritto allo studio (art.34).

Si sta parlando di diritti fondamentali e inalienabili della persona umana (non si parla certamente di norme facilmente derogabili) che impegnano lo stato e le autorità pubbliche a rimuovere ostacoli di carattere economico e sociale nonché a garantire a tutti i cittadini pari dignità sociale e di raggiungere i gradi più alti dello studio.  (M.D.M)



Lascia un commento