Scuole: Uniti per Luco e Pd Luchese: “Amministrazione inadeguata”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Luco dei Marsi – L’azione di questa Amministrazione non è solo inadeguata, ma anche dannosa per il paese. Gli alunni della scuola primaria sono tornati a scuola con circa due settimane di ritardo sull’inizio del calendario scolastico, mentre è stimato per la metà del mese di ottobre l’avvio dell’anno scolastico per i bambini della scuola dell’infanzia. Eppure, gli strumenti per un’opera di prevenzione seria e tempestiva erano a disposizione degli Enti locali da tempo.

La Regione ha sollecitato a più riprese all’esecuzione delle verifiche sismiche, adempimenti il cui termine ultimo è stato fissato al 31/12/2012 e poi prorogato al 31/3/2013, con riferimento all’art.2, comma 3 dell’OPCM n.3274 /2003. La stessa Regione nelle lettere ricevute dal Comune ricordava anche la responsabilità a carico del Comune stesso, proprietario degli immobili, in merito all’esecuzione della valutazione della sicurezza sismica degli edifici scolastici e, qualora se ne fosse ravvisata la necessità, la mancata attuazione/programmazione degli interventi di messa in sicurezza.  Questo per la sicurezza dei cittadini, ma anche per  ottenere la disposizione di fondi utili all’adeguamento sismico, altra cosa rispetto al diverso lavoro di “miglioramento sismico”.

L’Amministrazione Palma, sebbene la Regione richiamasse all’adempimento in merito a questi interventi cruciali, non ha proceduto nei tempi: il risultato è che è stata persa la possibilità per ottenere i fondi per l’adeguamento sismico alle ultime normative vigenti delle strutture che di ciò necessitano, oltre ovviamente ad aver dovuto rimandare, per la prima volta nella storia del nostro paese, l’inizio delle lezioni per intere scuole tanto a lungo, non contribuendo certo alla serenità delle famiglie”, sottolineano i rappresentanti del gruppo consiliare “Uniti per Luco” e del PD luchese. “Apprendiamo che gli attuali Amministratori attendono la concessione di altre disposizioni, per importi ovviamente diversi, utili al cosiddetto miglioramento sismico. Apprendiamo anche, però, e allibiti, che negli elenchi dei beneficiari il Comune di Luco dei Marsi non figura. Durante la scorsa Amministrazione le strutture erano state ispezionate dai tecnici della protezione civile e ci siamo messi a disposizione per supportare l’Amministrazione Palma sul tema: per noi, non si fanno questioni di casacca sulla sicurezza dei nostri ragazzi, né si risparmia sulla loro pelle. Eppure, il risultato delle scelte di questa Giunta ha prodotto solo ritardi e allarme tra le famiglie e soprattutto la perdita del treno per quanto riguarda la possibilità di mettere mano in maniera importante al patrimonio dell’edilizia scolastica. A questo proposito vale la pena ricordare che si tratta della stessa Amministrazione che, in tempi nei quali si cerca di ottimizzare tutte le risorse, hanno rispedito al mittente 320.000 euro già assegnati a Luco dei Marsi – per un investimento totale di circa 400.000 euro – per la realizzazione dell’asilo nido, una struttura importante per le famiglie, che avrebbe potuto servire l’intera Vallelonga, ma anche per l’occupazione. E questo perché non in grado di reperire qualche migliaia di euro, circa 80.000, a carico del Comune, salvo poi indebitarsi per 2.000.000 di euro, e rimarchiamo, due milioni di euro, per “pagare le spese correnti”, non gli investimenti.

Spese correnti che essa avrebbe dovuto pagare con le relative entrate della parte corrente, fra cui il rimborso delle rate di mutuo a carico del CAM. Quindi, i fondi per nuove strutture a servizio della comunità e le risorse per effettuare verifiche fondamentali sugli edifici scolastici, dove passano buona parte della giornata i nostri bambini e ragazzi, verifiche necessarie anche per provvedere alla messa in sicurezza dove occorrente,  non si riesce a trovarli, ma si indebita il paese per pagare le spese correnti. Tra l’altro, avrebbe significato investire in lavoro e sviluppo, perché i cantieri aperti sono anche quello. E non vengano a rispolverare la storiella dell’indebitamento pregresso: avranno almeno imparato, dopo 4 anni di un’amministrazione che si presenta da sola nei risultati, a leggere correttamente i bilanci. Di questo, realmente, un’amministrazione in agonia che strombazza sulla riapertura delle scuole – non tutte – a fine settembre, dovrebbe rendere conto ai cittadini”.




Lascia un commento