Scoperti dai carabinieri a rubare tentano di investire due militari e si lanciano in una rocambolesca fuga. E’ caccia a una banda di ladri di sei persone



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Civita d’Antino. Hanno tentato il furto all’Eden Grill di Civita d’Antino, sulla ex Superstrada del Liri. Scoperti dai carabinieri sono risaliti in auto e hanno tentato di investire due militari. Lanciati in una rocambolesca fuga si sono schiantati contro un palo e sono scappati.

E’ successo questa notte, intorno alle due e mezza, nella Valle Roveto.

Una banda di ladri, composta da sei persone, ha tentato il colpo alla stazione di servizio di Civita.

I militari, impegnati in un pattugliamento notturno, organizzato a contrasto proprio del fenomeno dei furti, hanno visto due auto parcheggiate nell’area di servizio e insospettiti si sono fermati.

I balordi hanno capito di essere stati scoperti e sono risaliti subito a bordo delle auto. Si tratta di una Citroen C3 e di un’Opel Astra. Entrambe sono risultate rubate. La prima è stata rubata in provincia di Frosinone, la seconda a Canistro.

I ladri hanno tentato di investire i carabinieri e poi si sono lanciati in una fuga rocambolesca in direzione di Sora. Un’auto è riuscita a fuggire mentre l’altra è stata ritrovata dopo all’uscita di Morino. I malviventi hanno perso il controllo del mezzo e si sono schiantati contro un palo.

Si sono subito dileguati. Presumibilmente a bordo di una terza auto, una 156, risultata rubata a Canistro.

I carabinieri stanno visionando le telecamere di videosorveglianza del bar di Civita. L’area dello schianto è stata transennata. A bordo dell’auto potrebbero esserci tracce utili alle indagini.

Sul posto ci sono diverse pattuglie dei carabinieri della compagnia di Tagliacozzo, agli ordini del capitano Edoardo Commandè. Sul caso sono a lavoro i militari del nucleo operativo, al comando del maresciallo Raffaele Di Stefano.

 

 

 

 




Lascia un commento