Scoperta una rarissima specie vegetale nel Parco Sirente Velino



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – La flora del Parco regionale Sirente Velino si e’ improvvisamente arricchita di un nuovo gioiello di biodiversita’. Pochi giorni fa, nel corso di un’escursione del Cai, il socio di Appennino Ecosistema Luciano Del Sordo ha scoperto una nuova piccola popolazione della rarissima e bellissima specie vegetale Adonis vernalis (adonide primaverile, della famiglia delle Ranunculaceae), finora sconosciuta per l’intero territorio del Parco regionale Sirente Velino e le cui sole piccolissime popolazioni italiane si trovano ad oltre 10 km di distanza nel territorio del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

La specie, ritenuta del tutto estinta in Italia fino al 1997, e’ stata poi rinvenuta in sette piccoli popolamenti, tutti localizzati alle pendici meridionali del Gran Sasso. Nell’Europa Occidentale, e’ presente solo in Austria ed in Francia, mentre e’ ritenuta estinta nei Paesi Bassi. A causa di tale esiguita’, e’ considerata fortemente minacciata dalla Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) e e’ protetta a livello internazionale dalla Convenzione Internazionale sul commercio delle specie in pericolo di estinzione (CITES) La piccola popolazione, la cui presenza e’ stata confermata dai botanici di Appennino Ecosistema, consiste in circa 500 piantine sparse su una superficie di circa 3 ettari. Si trova nel territorio del Comune di Tione degli Abruzzi, proprio in quell’area montana ricca di habitat di interesse comunitario e protetta da una Zona di Protezione Speciale dell’Unione Europea che l’Amministrazione comunale e quella regionale – sostiene l’Associazione ambientalista – vorrebbero eliminare dal Parco regionale. Ha dichiarato in proposito Fabio Conti, consigliere scientifico di Appennino Ecosistema ed uno dei massimi esperti della flora appenninica.

“Si tratta di una scoperta eccezionale, che amplia verso Sud-Est l’areale noto della specie, fortemente minacciata ed in pericolo di estinzione. La protezione del suo territorio e’ quindi un imperativo categorico, se si vogliono rispettare le norme internazionali, tutelare la biodiversita’ ed agire secondo il comune buon senso”. La proposta di istituzione del Parco nazionale del Velino Sirente, lanciata due mesi fa da Appennino Ecosistema, trovera’ un momento fondamentale sabato prossimo, 21 maggio, quando a partire dalle 9:00 si svolgera’ un workshop aperto a tutti nel quale sara’ presentata e discussa con gli Amministratori ed i cittadini la bozza di zonazione del futuro Parco elaborata dagli esperti di Appennino Ecosistema. Il workshop, che si tiene in occasione della Giornata mondiale della biodiversita’ proclamata dalle Nazioni Unite, sara’ ospitato a Lucoli dall’Amministrazione comunale presso il Lucoli Civic Centre (frazione S.Menna).

Vi prenderanno parte geologi, botanici, zoologi ed archeologi che illustreranno il patrimonio ecologico e la proposta di zonazione del futuro Parco nazionale. Saranno poi presentati dagli Amministratori comunali – fa sapere l’associazione – alcuni casi esemplari di valorizzazione turistica, sociale ed ecologica, tra i quali il progetto “Casa e Bottega” di Fontecchio, quello delle Doline di Ocre e la rete sentieristica di San Demetrio ne’ Vestini. Il giorno successivo, domenica 22 maggio, infine, si svolgera’ un’escursione da Lucoli ad Ocre, attraverso il territorio del futuro Parco nazionale.




Lascia un commento