Santilli svela in anteprima la nuova scuola | FOTO



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Celano – “Non c’è investimento migliore, per una Città che vuole crescere e guardare al futuro, se non quello di investire sull’istruzione delle nuove generazioni, realizzando una nuova scuola, luogo primario di dialogo e di convivenza civile della comunità”. Queste le parole del Sindaco di Celano, Settimio Santilli, a pochi giorni dall’inaugurazione del nuovo plesso scolastico prevista per sabato alle 11.

“Abbiamo iniziato questo percorso nella passata amministrazione grazie all’onorevole Filippo Piccone, ora ci accingiamo a consegnare a Celano, ai bambini e a tutta la popolazione scolastica una struttura con i più alti standard di sicurezza, bella, all’avanguardia nelle tecnologie e nella didattica. Una struttura di una qualità eccelsa, emozionante, in grado di offrire il miglior confort possibile, luogo in cui sarà piacevole studiare serenamente”.

Ospiterà tutti i 400 bambini della scuola primaria di Celano, ma sarà nelle disponibilità dell’intera comunità per 14 ore al giorno. L’edificio ha un chiosco esterno e due piazze, un campo sportivo polivalente, una palestra e la biblioteca che potranno essere utilizzate al di fuori dei canonici orari scolastici. All’interno abbiamo il TeaTrio, spazio per eventi di vario tipo.  Ogni piano è stato tinteggiato con colori differenti (giallo, rosso e verde) per consentire ai bambini di orientarsi.

“Abbiamo una stanza “morbida” – conclude Santilli – realizzata con arredi speciali per alunni con diverse abilità, sistemi didattici interattivi (proiettori) insieme a lavagne e pannelli di sughero in ogni aula, oltre a banchi a misura di bambino (varie altezze in base alla classe frequentata) che possono dar luogo a differenti composizioni di arredo al fine di poter sviluppare forme di didattica diversificate.  Infine la mensa, con cucina interna. Non vi resta che scoprirla, perché sicuramente qualcosa avrò dimenticato! Se ripenso alla scuola che ho frequentato io, quasi quasi vorrei tornar bambino”.




Lascia un commento