Sante Marie, arriva la wi fi cittadina. Sarà accessibile gratuitamente a tutti



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Sante Marie. Terminati i lavori per la wi fi cittadina, libera, gratuita e accessibile a tutti. “Piazza Wifi Italia”,
questo il nome del progetto a cura del Ministero dello Sviluppo Economico che ha come obiettivo quello di
permettere a tutti i cittadini di connettersi liberamente tramite un’applicazione, arriva anche a Sante
Marie, il borgo marsicano famoso in tutta Europa per il Cammino dei Briganti.

Dopo i primi sopralluoghi, necessari a individuare i punti strategici in cui posizione gli hotspot, nei giorni scorsi si è proceduto all’installazione degli stessi e all’esecuzione dei servizi di gestione e manutenzione della rete.
Soddisfatto il sindaco Lorenzo Berardinetti, sempre attento a coniugare le esigenze dei cittadini con le più
moderne e sviluppate tecniche di comunicazione e informazione. Un lavoro, come spiega, che parte da
lontano, dalla volontà di rendere accessibile a tutti, e senza spese aggiuntive, un servizio indispensabile
quale internet. Questa iniziata, infatti, andrà a potenziare la rete già esistente, fornendo, quindi, un servizio
qualitativamente migliore e più funzionale di quello attuale.

Ancora una volta questa amministrazione si è dimostrata capace di ascoltare le richieste degli abitanti di
Sante Marie e di attivarsi, con celerità ed efficienza, per soddisfarle, garantendo loro una concreta vicinanza
da parte del Comune”, afferma Berardinetti. “Il nostro paese, come noto, è sempre molto attento a tutto
ciò che possa valorizzarne la storia, la cultura, le tradizioni e la bellissima natura nel quale è immerso, ma è
indispensabile guardare anche al presente e, perché no, al futuro. Sono certo che questa rete wi fi potrà
portare grande beneficio in paese dove tutti, nessuno escluso, avranno l’opportunità di accedervi per
soddisfare le proprie esigenze comunicative, informative e professionali”, conclude Berardinetti.