fbpx
domenica, 28 , Febbraio

“L’Eccellenza deve ripartire”, il gruppo social fa rumore nelle stanze dei vertici calcistici

Rimbalzo di responsabilità tra gli alti vertici del calcio, che ancora, dopo 4 mesi, si interrogano sulla ripresa dell'Eccellenza, non arrivando mai ad una...

Prima pagina

Sanificazione dei mastelli per la raccolta differenziata. A chi compete?

Avezzano – Riceviamo una segnalazione e una richiesta di soluzione da parte di un cittadino avezzanese che pone l’attenzione su un problema legato alla sanificazione dei mastelli utilizzati abitualmente per la raccolta differenziata dei rifiuti. “Oltre a rimanere in strada per molte ore, sotto intemperie, polvere, contatti con animali, manipolati dalle operazioni di raccolta, inevitabilmente raccolgono nel loro interno, quantunque si voglia prestare tutte le attenzioni, residui di ogni sorta che degenerano in vario modo dando luogo ad accumulo inevitabili di residui ricchi di germi patogeni per la salute umana“, scrive il lettore.

Si fa rilevare, inoltre, che i secchi adibiti alla raccolta dei rifiuti non sono di proprietà degli utenti ma solo in uso. I cittadini, visto che non ci sono altri sistemi, provvedono da soli a pulire i suddetti mastelli e, continua la segnalazione, “sono costretti a svolgere tali operazioni nei propri bagni strettamente adibiti all’igiene personale, operazioni non raccomandabile e al di fuori di ogni sana logica di igiene sanitaria“.

A questo punto, acclarato che all’interno dei secchi possono svilupparsi germi e batteri di ogni genere, che non è salubre lavarli nei propri bagni o nelle proprie cucine, il cittadino avezzanese chiede: “quali azioni intendono intraprendere le autorità al fine di mitigare e ridurre il rischio sopra evidenziato? chi sono i soggetti a cui compete tale sanificazione e a quali norme igieniche applicabili? quali azioni competono alla utenza di cui trattasi?“.

Latest Posts

Ultim'ora