San Benedetto dei Marsi: “Ridotte le tasse dal 2013 ad oggi”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

San Benedetto dei Marsi – Tempo di bilanci a San Benedetto dei Marsi. “Nella seduta del Consiglio Comunale del 29 aprile – spiega la vicesindaco con delega al bilancio e tributi, Maria Di Genova – è stato approvato il rendiconto 2015 ed il bilancio di Previsione 2016 con tutte le relative delibere propedeutiche per la sua redazione, sono state confermate quasi tutte le tariffe, vista la legge finanziaria per il 2016, ECCETTO la TARI, per la quale la nostra Amministrazione ha operato un importante riduzione delle stesse rispetto agli anni precedenti. Da un’analisi del nostro operato dal 2013 ad oggi nelle delibere appena approvate si evidenzia un calo dei costi stimati totali sostenuti per il servizio di raccolta porta a porta che passano da circa 641.000,00 euro del 2013 a 518.000,00 nel 2016, una riduzione di circa il 20%. Questa sostanziosa diminuzione dei costi comporta un considerevole abbassamento delle tariffe per una percentuale che va dal 20 ad un massimo del 30% per le famiglie più numerose. Ad esempio se una famiglia con 4 componenti ed un’abitazione di 100mq nel 2013 pagava un tributo annuo di € 429,00 comprensivo di tributo provinciale, per il 2016 pagherà € 311,00, con una riduzione percentuale del 27% e un risparmio per € 117,00. La raccolta differenziata che dapprima ha comportato costi per la sua predisposizione e avvio, oggi inizia ad entrare a regime, il conseguente calo dl tributo ne è la dimostrazione. Questo rispecchia perfettamente le nostre linee di mandato, come da programma elettorale portiamo avanti una campagna di potenziamento della raccolta differenziata con risultati cospicui nella riduzione del tributo per il cittadino. Con l’augurio per il futuro di effettuare stime sempre più veritiere ed attendibili dei costi futuri così da ottenere un ulteriore abbassamento delle tariffe. Esprimendo totale soddisfazione per l’operato di tutti, e per le potenzialità di risparmio future che deriveranno dall’introduzione dell’umido, in qualità di Vice Sindaco con delega al Bilancio, tributi e programmazione ringrazio quanti hanno collaborato ad ottenere tale risultato. Sulla vicenda è intervenuto anche il Presidente del Consiglio Comunale, Francesco Raglione.

“A giugno partirà la raccolta porta a porta della frazione organica, questo ci permetterà di ridurre ulteriormente i costi dello smaltimento dei rifiuti e di conseguenza le bollette dei Cittadini. Il conferimento dell’indifferenziata, infatti, costa ad oggi al nostro Comune 140 euro a tonnellata, mentre lo smaltimento dell’umido si attesterà sui 70 euro a tonnellata. Considerando che la frazione organica è circa il 30% del totale siamo sicuri che avremo notevoli benefici da questa modifica nella raccolta, sia a livello ambientale che a livello economico. I nuovi bidoncini (di colore marrone) e le buste biodegradabili verranno consegnati a domicilio nei prossimi giorni da parte di nostri operatori; ad ogni famiglia inoltre verrà lasciato tutto il materiale informativo necessario ad operare una buona e corretta raccolta differenziata. Si terranno inoltre nelle prossime settimane diverse assemblee pubbliche a carattere informativo e divulgativo con i Cittadini, con le Associazioni e con le scuole. E’ bene ricordare che siamo riusciti a finanziare questa operazione, che prevede l’acquisto di decine di migliaia di buste biodegradabili e migliaia di nuovi bidoncini, grazie ad un progetto presentato dalla nostra Amministrazione nell’ambito dei finanziamenti PAR FAS, cosi da non pesare in alcun modo sulle tasche dei Cittadini. Colgo l’occasione infine per lanciare un appello ai sambenedettesi, chiedendo loro di continuare nella strada intrapresa della raccolta differenziata sempre con maggiore impegno, attenzione e partecipazione, perchè differenziando non solo si tutela l’ambiente ed il nostro futuro ma si risparmia considerevolmente, quindi, chi non riesce, ahimè, ad avere uno spiccato senso civico ed amore per l’ambiente lo faccia per lo meno per un risparmio economico in bolletta. Più si differenzia, più si tutela l’ambiente!!! Più si differenzia, più si risparmia”.




Lascia un commento