San Benedetto dei Marsi, cane muore di indifferenza



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

San Benedetto dei Marsi. Si sarebbe potuto salvare il cucciolo di cane randagio che si aggirava per i vicoli del paese, ma purtroppo non ce l’ha fatta.

Denutrito, l’animale, di circa 6 mesi di vita, è stato intercettato da una cittadina quando le sue condizioni erano, ormai, troppo gravi. È quanto accaduto pochi giorni fa nel paese marsicano ed a denunciarlo è stata una residente e amante degli animali, “sono solita dar da mangiare a tutti i randagi che trovo, ma quel cucciolo non sono riuscita a salvarlo” – racconta la donna ai nostri microfoni – “quando l’ho trovato era uno scheletro rivestito di peli. Ho prontamente contattato i carabinieri per farlo prelevare dalla Asl, in quanto aveva sicuramente bisogno di flebo perché non apriva la bocca e non riuscivo a farlo mangiare, ma la burocrazia è spesso lunga, e a volte inefficiente, e l’animale non ce l’ha fatta ad arrivare al mattino seguente”.  Storie come queste non le si vorrebbe mai raccontare.

Si sa, soprattutto nei paesi,costante è la presenza di cani di quartiere o di quelli che non hanno una vera e propria casa, ma che son ben voluti da tutti. Il fenomeno del randagismo, però, è incrementato ovunque, anche a San Benedetto dei Marsi, dove ultimamente si sono riscontrati numerosi abbandoni di animali. Prima di poter puntare il dito contro le  amministrazioni comunali, che sicuramente detengono le loro responsabilità e che potrebbero far di più per contrastare un simile fenomeno, è necessario anche che le comunità collaborino con le autorità nel rispetto della normativa e del buon senso. Non si comprende se il cucciolo scomparso pochi giorni fa sia stato abbandonato o meno, probabilmente si. In un periodo storico dove pullulano campagne contro l’abbandono degli animali e di sensibilizzazione, si assiste ancora a simili episodi, e fin quando ve ne sarà anche uno solo, sarà sempre troppo.

E’ fondamentale, quindi, sottolineare che un cane non lo si adotta esclusivamente sulla scia dell’emotività o perché lo si possa trattare come un peluche, da buttare non appena non serva più. Un cane, un gatto, ogni animale è un essere vivente, e per questo meritevole di rispetto. La volontà di adottare un animale deve essere, quindi, ponderata e il frutto di una scelta pensata e desiderata.   Qualche giorno fa il programma televisivo “Striscia la notizia” è arrivato ad Avezzano per indagare sulla vicenda di un uomo che avrebbe tenuto segregati in casa i propri animali e la notizia è rimbalzata su tutti i giornali. Maltrattare un animale non è solo questo, ma è anche negargli l’aiuto che meriterebbe e che sta chiedendo. Per questo non si possono ignorare simili avvenimenti ed è giusto parlarne al fine di abbattere il muro di indifferenza che si crea attorno a questo argomento.

“Non tutte le persone vedono di buon occhio il fatto che si dia da mangiare a dei poveri cani randagi – conclude la donna – ma penso che se anche chi non ritiene giusto prendersene cura, avesse almeno chiamato molto tempo prima le autorità competenti, probabilmente il cucciolo si sarebbe potuto salvare”.

 




Lascia un commento