Rissa tra albanesi nel centro storico di Tagliacozzo, in otto davanti al giudice



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo – In otto dovranno comparire davanti al giudice del Tribunale di Avezzano, il 4 marzo 2020, per rispondere del reato di rissa. Si tratta degli operai albanesi coinvolti, il 31 ottobre 2018, nella violenta colluttazione, a colpi d’ascia, punte di demolitori e sampietrini, di Tagliacozzo. Tutto ebbe inizio da una lite, solo verbale, tra due di loro, a cui avrebbe assistito anche un altro connazionale.

I due albanesi si sarebbero poi lasciati, ma a uno dei due sembra che la discussione non fosse andata giù. Così, una volta a casa, avrebbe chiesto l’intervento di alcuni parenti. In cinque avrebbero raggiunto il connazionale nel centro storico di Tagliacozzo e qui sarebbe scoppiata la violenta rissa.

Anche un’auto, di proprietà di uno degli albanesi coinvolti, venne distrutta. Il collegio difensivo è composto dagli avvocati Luca Motta, Roberto Verdecchia, Irma Conti, Mirco Salvati, Annunziata Morgani, Anna Alessia Marchione e Luisa Cornacchia.