Rischio chiusura OBI ospedale di Avezzano Ginetti “Dalla Asl solo silenzio, saremo pronti a qualsiasi tipo di azione”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – “Dalla Asl in questi giorni solo un silenzio assordante sul rischio di chiusura dell’Osservazione breve del pronto soccorso dell’ospedale di Avezzano. Siamo pronti, se necessario, alle barricate per scongiurare il blocco di un servizio fondamentale per tutta l’utenza marsicana”.

Ad annunciare anche azioni di forza, se la direzione generale dell’Azienda sanitaria aquilana non prenderà
provvedimenti immediati circa la grave carenza di personale dell’Obi del pronto soccorso dell’ospedale di Avezzano, è il segretario provinciale della Uil Fpl Antonio Ginnetti.

L’Obi eroga un servizio importantissimo per il pronto soccorso che permette di tenere in osservazione dalle 24 alle 48 ore i pazienti in attesa di essere stabilizzati e, soprattutto, in attesa che si liberino eventuali posti letto nei reparti.
“L’osservazione breve è un servizio fondamentale e si potrebbero creare tantissimi disagi all’utenza che sarebbe nell’eventualità dirottata su altre strutture ospedaliere – aggiunge – Il personale è inoltre ridotto a turni di lavoro estenuanti e ciò non è più possibile. Abbiamo lanciato un appello qualche giorno fa alla Asl che tuttavia è rimasto inascoltato”. “La chiusura dell’Obi è sempre più vicina, soprattutto in questo periodo di ferie estive del personale e se la Asl non interverrà in modo celere e risolutivo saremo pronti a qualsiasi tipo di azione”, conclude Ginetti.