“Ripara tutto anche lassù, ciao zio dal tuo guerriero”, l’ultimo saluto del nipote a Pasquale Di Giulio



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. “Ripara tutto anche lassù, ciao zio dal tuo guerriero”. Ha salutato così, per l’ultima volta, davanti la chiesa di San Pio X, ad Avezzano, lo zio Pasquale.

Matteo Di Giulio, ha 26 anni, è uno dei tanti nipoti di Pasquale Di Giulio, il meccanico di 59 anni, morto per un malore mentre faceva un giro in moto, nel Frusinate.

Matteo era molto legato allo zio, che insieme a suo padre, Paolo, aveva un’officina meccanica in via Nuova, ad Avezzano. Per il suo lavoro Di Giulio era molto conosciuto, in quanto lavorava soprattutto con i trattori e i mezzi agricoli. Un’attività che ora porterà avanti il padre del ragazzo.

Tantissime persone hanno partecipato alla cerimonia celebrata da don Paolo Ferrini, per l’addio a Di Giulio, che tutti ricordano come un uomo buono, gentile e sempre disponibile. “Quando la mattina vedremo quella panchina vuota, sopra la Madonna”; ha scritto un amico su Facebook, “sarà triste ma ti penseremo”.

“Zio andava tutti i giorni sul Salviano”, racconta il nipote Matteo, 26enne giovane promessa della Sauli Boxe di Civitella Roveto, “camminava e si teneva in forma. Per me è stato un secondo padre, mi invogliava a fare sport e tenermi in allenamento. Non lo dimenticherò mai e i suoi insegnamenti li porterò sempre con me”.

Di Giulio lascia undici fratelli: Patrizia, Pietro, Giuliana, Marianna, Fernando, Gabriele, Paolo, Michele, Antonio, Franco Donato e Lorenzo.

Domani a San Pio X i funerali di Pasquale Di Giulio, il 59enne morto in moto nel Frusinate

 




Lascia un commento