Rinvii a giudizio Capistrello, Di Battista: io estraneo alla vicenda



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Capistrello – L’ex consigliere comunale del comune di Capistrello, Alfio Cataldo Di Battista, rinviato a giudizio insieme ad altre 17 persone tra cui l’ex sindaco di Capistrello Lusi, ex amministratori, dipendenti comunali e imprenditori, interviene in merito al suo coinvolgimento nella vicenda facendo la seguente precisazione: “Al sottoscritto, unitamente ad altri consiglieri, vennero contestate le modalità di approvazione di una delibera di consiglio (la n° 22 del 26/11/2011) che riguardava l’assestamento di bilancio, con la destinazione di 38.000 euro ad una cooperativa sociale, la Lybra, che si occupava di pulizia delle strade e di verde pubblico.

Il reato sarebbe consistito, secondo il magistrato,  nell’aver votato un documento privo del parere tecnico, con l’intento di favorire la cooperativa stessa. Accuse risibili, visto che un consigliere comunale, nell’esercizio delle proprie funzioni, non può che  esprimersi attraverso un voto. In effetti nell’udienza del 2 aprile scorso si era ritenuto di derubricare il punto come non luogo a procedere. Sorprendentemente però, alla chiusura del 10 aprile scorso, il giudice ha deciso per un bizzarro rinvio a giudizio omnicomprensivo, incentrato tutto sui presunti reati inerenti i lavori del campo sportivo, rispetto ai quali, io, ripeto, sono completamente estraneo”.