Rifiuti e degrado all’ingresso del sottopasso della stazione ferroviaria di Avezzano



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Incuria e abbandono ma anche inciviltà e maleducazione, evidentemente. Accade sempre così quando un angolo della città si ritrova invaso da rifiuti di vario genere: cartacce, bottigliette di plastica e di vetro, mozziconi di sigaretta, giornali, lattine. Stavolta la scena di fastidioso e indegno degrado riguarda l’ingresso posteriore del sottopasso della stazione ferroviaria di Avezzano, a pochi metri da piazzale Kennedy. Si tratta di un luogo in cui transitano, ogni giorno, centinaia di persone. Molte di loro, evidentemente, sono abituate a buttare per strada i loro piccoli rifiuti come fazzolettini, bottigliette e cicche che, nel tempo, si sono accumulati lungo i marciapiedi e nello spazio laterale del percorso che conduce alle scale del sottopasso.

Alla villania di quei passanti che dimostrano chiaramente di avere scarsa attenzione per uno spazio che è di tutti, si somma, evidentemente, anche la scarsa attenzione di chi dovrebbe gestire la pulizia dello stesso spazio. La combinazione tra l’inciviltà dei passanti e la mancanza di un servizio di pulizia della spazzatura urbana che funzioni perfettamente, va a generare inevitabilmente l’indecoroso spettacolo, ben visibile attraverso la nostra gallery. Eppure basterebbe davvero poco per evitare che parti di Avezzano, o di qualsiasi altra città, si trasformino in piccole discariche a cielo aperto. Basterebbe rispettare semplici regole di civica convivenza e provare a gettare i rifiuti semplicemente dove dovrebbero essere gettati.

Chi si trovasse a venire ad Avezzano e dovesse uscire o entrare nel sottopasso della stazione ferroviaria non riceverebbe di certo una buona impressione alla vista di tanta sporcizia e tanta incuria. È scontato che le aree prossime alle stazioni o a luoghi frequentati da tanta gente siano maggiormente esposte al rischio degrado ma, proprio alla luce di tale semplice considerazione, si dovrebbe forse prestare solo un briciolo di interesse e di sorveglianza in più.